Strategie SEO nel 2021: tutte le chiavi per migliorare il tuo posizionamento

febbraio 18, 2021
Redazione
SEO
Ti è piaciuto il nostro articolo?

SEO 2021

Un nuovo anno è già iniziato ed è fondamentale che tu sappia quali sono le nuove strategie SEO nel 2021. È della massima importanza, in quanto ti aiuteranno ad ottenere un buon posizionamento nei motori di ricerca. In questo modo, puoi raggiungere efficacemente il tuo pubblico target.

Le tecniche di marketing digitale sono state costrette a prendere una svolta nel 2020. A causa della pandemia che ha colpito il mondo, sempre più aziende hanno scelto di lavorare attraverso il web. Ciò, a sua volta, ha generato una maggiore domanda da parte degli utenti e una maggiore concorrenza.

Dati questi cambiamenti causati dal COVID-19, è essenziale adattarsi alle esigenze dei consumatori. E per raggiungere questo obiettivo, è essenziale tenere a mente le strategie SEO nel 2021 che devi applicare in ciascuno dei tuoi progetti.

Le principali strategie SEO nel 2021

Ogni professionista del marketing digitale deve conoscere le strategie SEO nel 2021 che non possono essere escluse da nessuna campagna. Ti saranno molto utili per ottimizzare il tuo posizionamento sul web. È essenziale che tu tenga conto dei seguenti punti quando ti metti al lavoro:

1.- Uso dell’intelligenza artificiale (AI)

Uso dell'intelligenza artificiale
È dimostrato che l’uso dell’intelligenza artificiale (AI) è un fattore chiave nelle strategie di marketing. Tieni presente che il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti online sta cambiando. Pertanto, è necessario che vi adattiate a questi progressi ed evoluzioni.

Tale è la sua rilevanza che per alcuni anni Google ha avuto un algoritmo AI chiamato RankBrain. Questa applicazione gioca un ruolo fondamentale quando si tratta di posizionamento per i risultati di ricerca (SERP).

Per questo motivo, devi riuscire a coinvolgere e coinvolgere i consumatori con contenuti di valore e ben organizzati. In questo caso, lo strumento di verifica SEO on-page può essere di grande aiuto, in quanto permette di valutare le potenzialità di una pagina, in base ad aspetti come leggibilità, backlink, ecc.

2.- Ricerca vocale

Questo secondo aspetto è legato all’intelligenza artificiale, poiché la ricerca vocale sarà un’altra tendenza nel 2021. E questo è possibile grazie a innovazioni come l’Assistente Google, Siri di Apple e Alexa di Amazon. Questo tipo di consultazione è un’opzione sempre più utilizzata dalle persone.

Ed è stato dimostrato in uno studio di Juniper Research condotto nel 2017. È stato dimostrato che entro il 2022 dispositivi smart come Amazon Echo, Google Home e Sonos One saranno installati nel 55% delle case americane.

Quindi, se vuoi migliorare il tuo posizionamento in questo nuovo anno utilizzando la ricerca vocale, devi concentrarti sulle parole chiave che gli utenti utilizzano e identificare le lunghe frasi che usano nelle loro conversazioni quotidiane.

Tieni presente che questi tipi di ricerche tendono a funzionare meglio con frasi lunghe recitate naturalmente. Le persone quando scrivono di solito accorciano le parole, ma quando parlano le dicono come vogliono trovarle.

3.- Implementazione dell’indicizzazione Mobile-First

Implementazione dell'indicizzazione Mobile-First

Una delle strategie SEO più importanti nel 2021 è l’indicizzazione Mobile-First, che è stata implementata da Google nel 2019. Ciò significa che il motore di ricerca prima guarda la versione mobile di un sito web. Ora, prendi questo come “principale”, invece della versione desktop.

Secondo il World Advertising Research Center (WARC) entro il 2025 quasi il 73% degli utenti accederà a Internet tramite dispositivi mobili. Questo, senza dubbio, è la prova dell’importanza di concentrare i tuoi sforzi e indirizzarli alla versione mobile.

Se desideri che Google esegua la scansione dei tuoi URL, devi verificare di non avere una “directory disallow”. È essenziale sapere che Googlebot caricherà i contenuti che richiedono le interazioni dell’utente. Ad esempio, facendo click o scorrendo sullo schermo.

Dovresti anche assicurarti che Google possa visualizzare contenuti caricati lentamente. E non dimenticare di applicare gli stessi meta tag meta per desktop e dispositivi mobili.

4.- Rispetto del principio EAT

La qualità del contenuto è una priorità se vuoi davvero che Google ti tenga in considerazione quando si tratta di posizionarsi nei loro motori di ricerca. Per questo motivo, devi concentrarti sul rispetto del principio EAT che si basa sull’esperienza, l’autorità e l’affidabilità.

Questi sono i tre aspetti che ti consentono di sapere se il tuo sito web ha contenuti utili e di qualità. Per ottenere ciò devi creare il profilo della tua buyer persona, in questo modo capirai a cosa sono interessati i tuoi utenti e potrai catturare la loro attenzione in modo più rapido ed efficace.

È importante che tu svolga anche un’indagine dell’intento di ricerca al fine di tracciare il percorso del consumatore. Una volta ottenute queste informazioni, puoi creare i tuoi contenuti in base al formato preferito dai tuoi utenti.

E non dimenticare di collegare sempre siti affidabili, ad esempio URL che terminano con “.edu” e “.gov”. Inoltre, se disponi di siti autorizzati che si collegano alla tua pagina, dimostrerai di soddisfare i criteri EAT.

5.- Lavora con contenuti di lunga durata

Lavora con contenuti di lunga durata
La frase popolare “less is more” non si applica qui, poiché più ampio è il tuo contenuto, maggiore sarà il successo con il pubblico. È stato dimostrato da SEMrush nel suo rapporto The State of Content Marketing.

Questo lavoro indica che le letture più lunghe di 3000 parole ottengono tre volte più traffico e quattro volte più condivisione. Sottolinea inoltre che questo tipo di contenuto raggiunge 3,5 volte più backlink rispetto agli articoli con una lunghezza media da 901 a 1200 parole.

Ma per ottenere un posizionamento migliore devi lavorare con materiali di valore che siano di interesse per il tuo pubblico. E, naturalmente, ottimizzarli correttamente in modo che siano anche facili da leggere.

Per farlo, usa i sottotitoli H2 e H3 per separarli per sezioni, così sarà più facile rintracciarli. Link a fonti pertinenti e autorevoli che hanno un forte punteggio di autorità. E non dimenticare di semplificare il processo di condivisione dei contenuti. Per fare questo, devi solo includere i collegamenti all’inizio e alla fine.

6.- Progressi nella ricerca semantica

Hai pensato di andare oltre le parole che gli utenti usano quando conducono una ricerca? La semantica si basa sull’interpretazione di segni, simboli, parole e linguaggi utilizzati nella comunicazione. Ma sicuramente ti starai chiedendo quanto segue: cosa ha a che fare con la ricerca?

I motori di ricerca stanno lavorando duramente per capire le domande degli utenti. Lo scopo è quello di essere in grado di interpretare l’intenzione di ricerca delle persone. Può sembrare un po’ complesso, ma non è impossibile da raggiungere.

Quindi, quando inizi a creare i tuoi contenuti, devi concentrarti sulla decifrazione dell’intento di ricerca degli utenti. Inoltre, devi essere sicuro che ciò che condividi soddisfi le esigenze dei consumatori.

7.- Includere contenuti in formato video

Includere contenuti in formato video
L’efficacia dei contenuti audiovisivi è più che dimostrata. Tanto che nel rapporto annuale di Cisco si prevede che il video superi tutte le altre forme di contenuto quando si tratta di consumo.

Il fatto che YouTube abbia più di un miliardo di utenti mostra che alle persone piace questo tipo di materiale. Tuttavia, non si tratta di registrare e basta, è necessario strutturare un piano.

Inizia ottimizzando il nome e la descrizione del tuo canale video, in quest’ultima sezione devi fornire le informazioni e le risorse. Tieni presente che questa sarà la tua lettera di presentazione per quegli utenti che stanno appena iniziando a conoscerti.

Un altro elemento chiave per posizionarti in questo tipo di contenuti sono le parole chiave. La funzione di completamento automatico che YouTube ti offre può essere di grande aiuto. Devi solo iniziare a digitare l’argomento del tuo video e vedere cosa appare nel campo di ricerca. Ti verrà mostrato un elenco di parole chiave che di solito vengono cercate sulla piattaforma.

8.- Ottimizzazione dell’immagine

Così come i video giocano un ruolo fondamentale nella ricerca, anche le immagini lo fanno, ecco perché fanno parte delle strategie SEO nel 2021. Per questo motivo, è essenziale che ottimizzi adeguatamente gli elementi grafici che intendi utilizzare.

La prima cosa da fare è utilizzare immagini di alta qualità. Devi anche ricordarti di personalizzare il nome del file, così sarà correlato al contenuto della pagina corrispondente.

Allo stesso modo, applica i tag alt. Ricorda che i crawler li usano per posizionare le immagini. Hai anche la possibilità di aggiungere immagini alla mappa del tuo sito per renderle molto più facili da tracciare.

Con tutte queste strategie puoi avere successo in questo nuovo anno. Devi solo applicarle nel modo corretto in modo da notare poi i risultati. E poiché in Antevenio ci piace accompagnarti nei tuoi progetti, ti offriamo i nostri servizi di SEO per posizionarti in modo organico.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies