Che cosa sono gli URL mirror e come possono danneggiare il tuo sito Web?

febbraio 24, 2020
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Gli URL mirror sono una pratica comune quando si gestisce un nome di dominio. Questo nome apparentemente innocuo può essere una seria minaccia per il SEO On Page del tuo sito web.

Puoi scoprire la sua origine e le sue caratteristiche principali. Inoltre, otterrai informazioni su come dire addio a uno degli errori più comuni nel SEO per sempre.

Cosa sono esattamente gli URL mirror?

Questi tipi di URL sono anche noti come domini mirror o domini duplicati. Succede quando c’è un contenuto duplicato tra due o più domini diversi. Sono tracciabili sul tuo sito Web con la barra (“/”) alla fine e senza di essa e di solito portano allo stesso contenuto.

Dopotutto, sono domini diversi che portano a un indirizzo IP identico ospitato su un server, poiché entrambi sono collegati ad esso. Di seguito è riportato un chiaro esempio di URL mirror:

  • pagina di esempio.com/blog-seo-branding/
  • pagina di esempio.com/blog-seo-branding

Anche se può sembrare strano, è qualcosa che viene visto molto frequentemente in rete. Non è una tecnica fraudolenta, né un problema per l’utente. Inoltre, consente all’utente di accedere al sito indipendentemente dal dominio digitato nel browser.

Principali cause

L’aspetto del concetto di URL mirror nel gergo tecnologico può essere spiegato dal comportamento di molte aziende e professionisti del settore. Acquisiscono più di un’estensione del loro dominio al fine di proteggere il brand.

Con questa tattica si raggiunge un altro importante obiettivo: impedire a terzi di fare un uso fraudolento della propria identità aziendale.

Attualmente è normale osservare le aziende con diverse estensioni dei domini gTLD: .com, .net, .org, ecc. È anche comune vedere aziende che usano estensioni di dominio internazionali ccTLD: .it, .uk, .es, ecc.

Il desiderio di onnipresenza li ha portati a un vortice di acquisizioni che ha infettato anche piccoli amministratori di pagine Web.

La configurazione di più domini che puntano allo stesso server è dovuta all’attuale ossessione di ottenere più traffico possibile. Per raggiungere questo obiettivo, gli amministratori delle pagine Web forniscono all’utente l’accesso ai propri siti indipendentemente dall’estensione di dominio introdotta.

Queste decisioni di solito hanno risultati controproducenti per le aziende. Il più noto è che una navigazione tra i mirror dei domini porta agli stessi contenuti. Le conseguenze per il posizionamento SEO di questi siti Web possono essere molto negative a lungo termine.

Come sapere se il tuo sito ha URL mirror

Come in altri casi di duplicazione, gli URL replicati possono ridurre le prestazioni. Pertanto, è essenziale identificare e risolvere eventuali inconvenienti. Per questo compito è meglio usare i meccanismi offerti dallo stesso “giudice” che detta le regole di posizionamento nella SERP.

Gli Strumenti per i Webmaster di Google ti danno la possibilità di vedere quali pagine del tuo sito sono duplicate. Puoi anche controllare tutte le varianti che un URL potrebbe aver subito.

Nonostante sia uno strumento di enorme potenziale, la sua utilità è limitata per i professionisti SEO. Grazie ad esso, verranno eliminati i problemi di duplicazione dei parametri, ma i loro risultati avranno un impatto solo su Google e Bing. Per portali come Twitter o Facebook non è possibile sfruttare le possibilità offerte da Google Search Console.

Conseguenze degli URL duplicati sul Web

Questi URL mirror sono collegamenti diversi agli occhi di Google, ovvero esiste più di un modo per accedere allo stesso contenuto. Ciò è dovuto a due cause principali: i collegamenti Web non sono ottimizzati correttamente o quelli che si collegano alla tua pagina esternamente tramite backlink non sono configurati correttamente.

I robot di tracciamento dell’onnipotente motore di ricerca catalogano i domini mirror come contenuti duplicati ed è altamente pericoloso per il posizionamento del web, indipendentemente dal dominio in cui è indicizzato. Con l’aggiornamento dell’algoritmo di ranking di Google Panda, qualsiasi accenno di contenuto duplicato può essere drammatico per qualsiasi sito Web.

In queste situazioni è normale che solo uno dei domini ospitati sullo stesso IP sia posizionato correttamente. Per questo motivo, il resto è praticamente relegato a irrilevante per Google. Può anche succedere che il dominio più vecchio o il primo trovato dal motore di ricerca, sia quello che ottiene il massimo risultato.

Il PageRank può anche essere influenzato da una pratica negativa legata a URL mirror. Questi collegamenti dividono la pertinenza di un dominio e riducono il valore che può avere un URL potente. Se si verifica su larga scala, può portare a un problema di budget perché indicherebbe Google di tracciare più link di quanto dovrebbe per accedere allo stesso contenuto.

Come eliminare definitivamente i tuoi URL mirror

Il modo eliminare questa pratica che può causare contenuti duplicati tra i diversi domini è il seguente:

  • Usa gli strumenti giusti per analizzare tutti gli URL del tuo sito web. Grazie a piattaforme come Screaming Frog o SEMrush, ad esempio, puoi vedere i collegamenti problematici e correggerli. Inoltre, se questi domini duplicati ricevono collegamenti esterni da pagine diverse dalla tua, è consigliabile eseguire un reindirizzamento 301 dall’URL mirror all’URL conveniente.
  • Applica il tag “no follow”. Deve essere utilizzato in ognuno dei domini che ritieni irrilevanti. In questo modo, Google indicizza solo la pagina principale, ignorando le altre.
  • Usa l’etichetta “canonic”. È un’opzione più laboriosa, ma molto più efficace della precedente. Consiste nel posizionare questa etichetta su ciascuna delle pagine che stanno duplicando il contenuto nella direzione del file corrispondente. Con questa tecnica, inoltre, il resto delle pagine non interessate rimane visibile. Ad esempio: <link rel = “canonical” href = “http://www.dominioprincipal.es/discos-segunda-mano/elkar/bilbao.html“ />
  • Etichette corrette per la versione desktop e la versione mobile. Per la versione desktop devi inserire il link rel = “alternate” tag; in questo modo il robot di tracciamento di Google viene avvisato che esiste un’alternativa alla versione desktop. Allo stesso modo, il tag rel = canonical link deve essere applicato a tutte le pagine della versione mobile, puntando alle pagine corrispondenti della versione desktop.

Piccoli trucchi che possono fare la differenza

Se le istruzioni precedenti non ti danno il risultato atteso, puoi provare i seguenti suggerimenti:

  • Utilizza Google Search Console. Questo prezioso strumento ti aiuterà a modificare i parametri che non generano contenuti univoci. Si consiglia di stabilire una routine in modo che tutti i collegamenti da introdurre in futuro seguano lo stesso formato.
  • Configura bene robots.txt. Non consentire URL non corretti, in questo modo migliorerai l’efficienza di ricerca dei crawler.
  • Chiedi di cambiare l’URL che si trova su un’altra pagina. È comune trovare collegamenti scritti male nelle pagine che rimandano ai nostri. In tal caso, il modo più semplice e veloce è inviare un’email al webmaster chiedendo di inserire gli URL pertinenti.

La scrittura di URL chiara e semplice evita problemi

Esistono alcune linee guida di follow-up per evitare i problemi che possono causare gli URL mirror. In questo modo garantisci che le persone che visitano il tuo sito Web visualizzino il contenuto desiderato.

  • La coerenza della scrittura è fondamentale. Il formato fornito ai collegamenti deve essere semplice e significativo. Allo stesso modo, evitare il collegamento a http: //www.example.com/page/, http://www.paginaexample.com/page e http://www.paginaexample.com/page/index.htm.
  • Prova a utilizzare il reindirizzamento 301. Se hai effettuato una strutturazione dei tuoi URL, al fine di indicare correttamente sia i visitatori che gli spider. Puoi farlo attraverso il file .htaccess e in IIS con la console di amministrazione.
  • Usa domini di primo livello. Se il tuo sito Web offre contenuti a un pubblico in un Paese specifico, l’URL deve essere configurato correttamente. Ad esempio, se la pagina è diretta in Italia, deve essere http://www.paginaejemplo.it, non http://www.paginaejemplo.com/de
  • Semplifica il lavoro per i robot di Google. Non è conveniente ostacolare il colosso tecnologico per possibili ripercussioni negative future. Consenti ai tracker di accedere agli URL duplicati, anche se utilizzi il file robots.txt. Non avendo il permesso di eseguire la scansione delle pagine che ospitano contenuti duplicati, non scoprono che gli URL puntano allo stesso contenuto. In questo modo, sono considerate pagine uniche e senza alcun collegamento.
  • Prenditi cura dei contenuti del tuo sito. Cerca di avere il minor numero di pagine che parlano dello stesso argomento. Raggruppare contenuti simili sotto lo stesso collegamento o espandere i contenuti in modo che sia necessaria una separazione. Tutto ciò implica la scrittura di URL di diversi formati, oltre a evitare la creazione di URL identici. Ad esempio, http://www.example.com/conoce-paris e http://www.example.com/conoce-paris-en-dos-dias.

In Antevenio possiamo aiutarti a creare la migliore strategia SEO per il tuo sito web. Conosciamo tutti gli aspetti del SEO e lavoriamo con i migliori strumenti sul mercato. Ti offriamo il modo più efficace per integrare i migliori progressi del settore nella tua strategia di marketing digitale.

Tag:

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies