8 Tecniche di ottimizzazione dei motori di ricerca

Giugno 19, 2020
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

SEO motori di ricerca

Quando parli di SEO, stai intrinsecamente parlando di ottimizzazione dei motori di ricerca, un aspetto che è cruciale per aumentare significativamente il traffico e la consapevolezza del brand all’interno degli ambienti digitali.

In questo momento, migliaia di persone sono alla ricerca di contenuti come il tuo. Puoi aiutarli a trovarlo diventando un esperto SEO e classificando il tuo sito Web o blog tra i migliori risultati di ricerca.

Secondo gli esperti, l’80% del traffico di un sito Web inizia con una query di ricerca. Ecco perché l’ottimizzazione dei motori di ricerca è così vitale se si desidera farsi un nome su Internet.

Comparire sulla prima pagina

Ogni giorno, le persone usano Google per eseguire oltre 3,5 miliardi di ricerche. Nei mercati internazionali, il 78% delle persone utilizza Internet per cercare prodotti e servizi prima di acquistare.

Una volta che il tuo sito Web inizia a comparire nelle prime pagine dei risultati di ricerca di Google, otterrà molta più visibilità. Questo è precisamente l’obiettivo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Una posizione migliore equivale a più traffico, più conversioni e, in definitiva, entrate più elevate.

Essere nella prima pagina dei risultati di ricerca deve essere l’obiettivo di tutta la tua strategia SEO. Ma più in alto si è, meglio è. Sapevi che il 75% degli utenti non fa nemmeno click su tutti i collegamenti nella prima pagina?

8 fattori che influenzano la SEO

SEO
Come già sai, ci sono più di 200 fattori di posizionamento che fanno comparire la nostra pagina in una posizione o nell’altra sulle pagine dei risultati di Google. Questi fattori sono in costante evoluzione e sono divisi in due tipologie principali: fattori interni (on-site) e fattori esterni (off-site).

1.- Ottimizzazione on-site

I fattori in loco sono quelli che puoi controllare direttamente. Ad esempio, la qualità del contenuto, l’architettura Web e il codice HTML sono i fattori più rilevanti di un sito Web.

  • Contenuto: per ottimizzare i motori di ricerca, i contenuti offerti dal tuo sito devono essere originali, contenere almeno 300 parole e la presenza di una parola chiave principale in tutto il testo.
  • Struttura: è la composizione dell’URL che dà corpo al tuo sito. Quando lavori sull’ottimizzazione dei motori di ricerca, dovresti provare a presentare agli spider o ai bot di Google una piattaforma facile da digerire. Dovrebbero essere in grado di tracciare i tuoi contenuti in background. Lo fanno da codici HTML o tag HTML.

Questi tag HTML rendono possibile l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Includono il tag title, il titolo blu che Google trova per primo, il tag “meta description” e i tag header. Conosciuti anche come <h1>, <h2>, <h3>, ecc., mostrano gerarchicamente i diversi titoli che possono essere trovati in un contenuto. In questo modo, consentono l’ottimizzazione dei tuoi contenuti.

La chiave per l’ottimizzazione dei motori di ricerca sta nei dati strutturati. Bene, questi offrono ai motori di ricerca informazioni più dettagliate sul contenuto di un sito web.

Il protocollo più utilizzato per i dati strutturati è Schema.org. Sul sito Web puoi trovare un catalogo molto completo di dati strutturati, nonché come implementarlo sul tuo sito web.

2.- Ottimizzazione off-site

Sono i dati che non puoi controllare direttamente ma sono quelli che generano l’autorevolezza di un sito Web. Cioè, che sia affidabile o meno. Tra i fattori di ottimizzazione per i motori di ricerca vi sono il comportamento degli utenti, la qualità dei collegamenti esterni e gli aspetti social.

3.- Le parole chiave

La selezione delle parole chiave è la base dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Grazie a loro puoi conoscere in prima persona il motivo per cui gli utenti hanno cliccato sul tuo sito Web.

Ciò che riflettono i termini immessi nel motore di ricerca è l’intenzione di ricerca dell’utente. Si tratta di ricerche definite dall’obiettivo che l’utente ha quando le effettua. Si divide a sua volta in tre:

  • Informativa: Esempio: tecniche SEO, come l’ottimizzazione del mio sito Web per i motori di ricerca, ecc.
  • Transazionale: lo scopo della ricerca è completare una transazione, che può essere quella di acquistare qualcosa o scaricare un e-book.
  • Navigazione: la ricerca ha lo scopo di trovare un sito Web specifico.

È anche possibile rilevare parole chiave che funzionano in base al volume delle ricerche. Possono far parte di:

  • Head: sono molto ampi con molto volume di ricerca e molta concorrenza. Ahem: gatti, case, SEO, ecc.
  • Middle tail: ricerche dove è specificato più, ma comunque molto generale.
  • Long tail: qui es dove si trovano le reali opportunità, in quanto rappresentano il 70% del totale. Sono ricerche molto specifiche, con poca concorrenza e che sono per lo più transazionali.

La prima cosa che devi fare quando generi un elenco di parole chiave in base al tuo sito Web, è sapere cosa offri, a chi lo offri, dove lo offri e cosa ti distingue.

Dopo aver risposto a queste domande, troverai sicuramente una parola che si ripete costantemente. Ecco la tua prima parola chiave. Ma se quello che vuoi è generare risultati migliori, potresti studiare il comportamento della tua parola chiave. Strumenti come Google Trends possono aiutarti in questo caso.

4.- Generare collegamenti per l’ottimizzazione dei motori di ricerca

Come forse hai già sentito, l’autorevolezza di un sito Web dipende direttamente dal numero di pagine che lo collegano e se hanno una buona reputazione. Cioè, i motori di ricerca verificano sempre le caratteristiche come l’autorevolezza delle pagine che si collegano a te e la posizione all’interno del contenuto di tali collegamenti.

Ecco perché, gran parte del lavoro sull’ottimizzazione delle pagine è diretto alla generazione di collegamenti con l’intenzione di migliorare l’autorevolezza di un sito Web. Questa strategia è nota come link building. Le pratiche più comuni per farlo sono:

  • Attraverso i contenuti: se hai contenuti di valore, verrai premiato con diversi link. Una variante, il link baiting, prevede la generazione di contenuti ad hoc al fine di generare attenzione e collegamenti.
  • Attraverso i social bookmark: sono pagine dedicate a cercare di curare i contenuti del Web, sia attraverso il voto degli utenti, sia attraverso la popolarità sui social network o altri fattori.

5.- Strumenti di ottimizzazione dei motori di ricerca

Google Analytics
Gli esperti lo dicono sempre: il 90% della SEO riguarda la determinazione chiara del proprio obiettivo e del pubblico target. L’altro 10% è responsabile degli strumenti di ottimizzazione dei motori di ricerca. Se vuoi alcune informazioni, questi sono gli elementi essenziali:

  • Google: è lo strumento più semplice per la SEO. Da gestire con le modifiche dell’algoritmo, per ottenere idee per le parole chiave o analizzare la concorrenza.
  • Strumenti per i Webmaster di Google: fondamentale per indicare a Google come interpretare il tuo sito web. Questa piattaforma ti avvisa di errori sul tuo sito Web, sanzioni e persino i collegamenti rilevati da Google.
  • Google Analytics: sapere cosa fanno i tuoi utenti sul tuo sito Web e come lo raggiungono è vitale sotto tutti i punti di vista possibili.
  • Excel: uno strumento fondamentale per l’analisi dei dati, la creazione di collegamenti, la concorrenza, i rapporti … Lo strumento più utile per la SEO dopo Google.
  • AdWords Keyword Planner: in AdWords, seleziona “Strumenti e analisi”, quindi “Strumento di pianificazione delle parole chiave”. Non è paragonabile ai precedenti strumenti di Google, ma è molto utile per trovare suggerimenti di parole chiave.
  • Übersuggest: Übersuggest ti dà suggerimenti su un termine da cui iniziare, in base al completamento automatico di Google. È utile perché ti dà combinazioni molto varie che non avresti immaginato.
  • Wordle: utile per avere un’idea della mappa dei termini di un sito Web, sia per avere un approccio visivo sulla densità di parole chiave sia per fare un rapporto o un brainstorming.

6.- Analisi della concorrenza

Su Internet ci sono milioni di proposte come la tua. Nella SEO è essenziale essere attenti al comportamento della concorrenza. La scoperta di nuovi concorrenti deve essere un processo costante.
Potresti scoprire i concorrenti dopo molto tempo conoscendo il mercato. Quando li trovi, controlla il contenuto che generano, il formato e come funziona.

7.- Rankbrain

Gli specialisti lo definiscono il terzo elemento più importante classificato e indicizzato dai motori di ricerca. Ed è responsabile della comprensione del contesto in cui vengono condotte alcune ricerche attraverso l’intelligenza artificiale.

8.- Pensa sempre in modalità responsive

Sebbene ci siano alcune variabili nell’esperienza di navigazione dagli smartphone, è un dato di fatto che il più alto indice di ricerche attualmente effettuate sia da un dispositivo mobile.

Quindi non è irragionevole pensare all’ottimizzazione dei motori di ricerca creando contenuti che migliorano l’esperienza dell’utente. Un buon design responsive garantirà agli utenti di consumare i tuoi contenuti da qualsiasi dispositivo.

In Antevenio ti aiutiamo a migliorare il posizionamento organico del tuo sito Web con strategie SEO efficaci tramite azioni off-page e pubblicazione di link di qualità sui media pertinenti. Noi parliamo?

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?