SEO Google: nuovi tag sponsorizzati e UGC: cosa significano?

Ottobre 18, 2019
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

I tag sponsorizzati e gli UGC mostrano che Google è una delle aziende che si reinventa di più. Di tanto in tanto lancia nuovi prodotti o aggiornamenti che cercano di rispondere alle esigenze degli utenti.

Questa volta ha lanciato nuovi attributi per aiutare il SEO delle diverse pagine web. I tag sponsorizzati e gli UGC si aggiungono al tag nofollow. La funzione è quella di contrassegnare l’html ogni volta che viene elaborata una strategia di costruzione di collegamenti.

Se un’azienda vuole progredire, è necessario andare sul mercato con idee innovative. Per questo, è necessario studiare bene il contesto del settore e lo sviluppo dell’ambiente. Dalla prima volta che sono stati inseriti gli attributi nofollow, Internet è cambiato molto per non fare il passo successivo.

Pertanto, questa è una delle modifiche più rilevanti quando si tratta di ricerche su Internet. Sebbene Google la stia già applicando nelle diverse SERP, non sarà completamente attiva fino al 1 ° marzo 2020.

Il potenziale dei tag sponsorizzati e gli UGC

Con i nuovi tag sponsorizzati e gli UGC, Google intende fare un ulteriore passo avanti nel mondo della SEO. E la cosa interessante è che i professionisti possono combinare gli attributi come desiderano. Quindi non è necessario limitarsi a una singola etichetta come prima. A seguito di quanto sopra, il risultato potrebbe essere il seguente: rel = “nofollow sponsorizzato”.

In questo modo, il motore di ricerca di Google sarà in grado di lavorare meglio con il nuovo aggiornamento. Tra le altre cose, sarà utile capire come gli utenti attivano i rispettivi collegamenti.

1.- Più di 15 anni con il nofollow

Quando è stato inserito il tag nofollow, una delle sue funzioni era quella di combattere quei contenuti che potevano essere considerati spam. La sua efficacia ha reso le piattaforme CMS più note come WordPress integrate nel suo codice sorgente.

Ciò ha impedito alle pagine Web di essere piene di commenti inutili. Non solo, quando i professionisti hanno contrassegnato il loro collegamento con nofollow, Google lo ha interpretato come non pertinente per il posizionamento del sito a cui era collegato.

È esattamente l’opposto di ciò che accade quando viene aggiunto il tag dofollow. Con esso si indica al motore di ricerca che si tratta di un collegamento utile.

2.- Tag UGC, il contenuto dell’utente

Molte persone hanno accesso a Internet, quindi il volume dei contenuti creati dagli utenti stessi è in aumento. In effetti, questa è una delle rivoluzioni fornite con il cosiddetto “web 2.0“. UGC è l’acronimo di User Generated Content che “contenuto generato dall’utente“.

Tra gli UGC ci sono i commenti, un elemento sempre più importante per i brand. Dal momento che ti consente di mantenere un rapporto con l’azienda. L’area commenti è uno spazio interessante per ascoltare attivamente le esigenze dei tuoi clienti e dare loro una risposta. È uno degli elementi preferiti da alcuni esperti di marketing digitale per generare community.

Anche se devi stare molto attento con i commenti spam, poiché possono danneggiare seriamente la tua strategia di comunicazione. Questo è uno dei motivi per cui Google ha deciso di lanciare i nuovi tag sponsorizzati e gli UGC.

3.- Sponsored, la tag dei brand

È molto facile dedurne il significato dal nome. È l’etichetta che è stata creata per l’identificazione pubblicitaria. Soprattutto per quello che è stato creato da un’azienda per essere diffuso in altre pagine. È l’opzione consigliata da Google se si desidera aggiungere segnalibri ai collegamenti sponsorizzati.

La sua funzione è mostrare a Google l’intenzione di questo link. In questo modo, i motori di ricerca sapranno come posizionarlo. Altrimenti, potrebbe portare risultati insoddisfacenti.

Fai attenzione se tagghi un link sponsorizzato come UGC. È possibile che Google finisca per penalizzare tutti i tuoi risultati. Questo può essere interpretato come se volessi ingannare il sistema dei motori di ricerca. Pertanto, è necessario assicurarsi che questi collegamenti siano contrassegnati come sponsorizzati o, altrimenti, come nofollow.

Domande sulle nuove tag sponsorizzate e gli UGC

Con la comparsa dei tag sponsorizzati e gli UGC, sorgono alcuni dubbi che devono essere risolti. Alcuni dei più importanti sono:

A.- L’autorevolezza si trasferisce alle etichette sponsorizzate e agli UGC?

Il grosso problema che affronta Google riguarda i responsabili marketing, che pensano di non essere avvantaggiati, dal momento che hanno dovuto usare il tag nofollow.

Con la nuova integrazione, tutti saranno in grado di accedere alle liste di posizionamento purché soddisfino le caratteristiche che Google ritiene necessarie.

Pertanto, i tag sponsorizzati e gli UGC sono un miglioramento rispetto al solito nofollow. Ma sarà Google, logicamente, a decidere quanta autorevolezza trasferiscono queste etichette.

B.- Dovremmo modificare i collegamenti già contrassegnati con nofollow?

Questi nuovi attributi vengono utilizzati dal 10 settembre. Anche così, non è necessario modificare i collegamenti già contrassegnati con nofollow.

Il fatto che ci siano nuove opzioni non significa che quelle stabilite abbiano perso la loro efficacia. Significa solo che ci sono più opportunità per migliorare il funzionamento di diverse pagine nelle ricerche.

C.- Perché Google ha deciso di implementare i tag sponsorizzati e gli UGC?

Molti esperti sostengono che la ragione di questo aggiornamento sia il link grafico. Questo algoritmo di Google mobilita i collegamenti nelle SERP. Come sapete, la sua funzione è quella di cercare ed evidenziare quei collegamenti che sono stati creati legalmente.

Si concentra anche su coloro che hanno compiuto azioni di dubbia chiarezza per ottenere più benefici in modo errato. I tag sponsorizzati e gli UGC funzioneranno come indizi per raggiungere contenuti di qualità. Quindi sarà possibile offrire agli utenti pubblicazioni di qualità migliore.

La costruzione del collegamento riacquista forza

Molte aziende ritengono che sia sempre più difficile sfruttare al meglio questa tecnica. Il link building è una delle migliori strategie per il posizionamento SEO di sempre. Aiuta a generare un traffico più fluido sul tuo sito Web e, quindi, a ottenere maggiori vantaggi.

Tuttavia, ci sono ancora infinite possibilità che il link building può offrirti, purché non si commettano errori di base facili da correggere.

1.- Calcola il numero di link che intendi inserire

Alcuni blog superano la quantità consentita di link nei loro post. Ciò è dovuto alla falsa concezione secondo cui maggiore è il numero di collegamenti, migliore sarà la resa del sito. La realtà è che devi impostare dei limiti in modo da non esagerare.

Non esiste una quantità esatta che dovresti tenere presente quando scrivi i tuoi post. Ma devi tenere presente che la funzione dei collegamenti è di completare le tue informazioni. Quindi dovrai aggiungere tutti gli elementi necessari per creare contenuti di qualità.

La cosa logica è non indirizzare i tuoi collegamenti alle pagine della concorrenza. Utilizza fonti o brand ufficiali che non hanno nulla a che fare con la tua azienda per migliorare il contesto dei tuoi contenuti. E non dimenticare che mantenere la coerenza con l’idea del tuo post sarà la chiave per creare un prodotto finale di successo.

2.- Lavora con altre pagine

Una pratica diffusa è quella di collaborare con altre aziende legate al proprio settore. È un modo naturale per introdurre collegamenti. In generale, un servizio o un prodotto è arricchito da contenuti di supporto.

La pratica guest post è molto comune nei blog. Sono collegamenti a diversi brand correlati.

Le persone che leggono quel post avranno la possibilità di essere reindirizzate alla tua pagina. D’altra parte, il brand che scrive la pubblicazione può offrire un servizio di qualità superiore ai suoi utenti.

Devi assicurarti che i brand con cui lavori creino contenuti competitivi. Otterrai un traffico maggiore sul tuo sito web. Devi essere in grado di stabilire un rapporto di lavoro costante. È un ottimo modo per fare squadra e costruire una community.

3.- L’importanza dell’anchor text.

Come in tutte le aree, è importante non seguire linee guida troppo rigide. Per quanto riguarda il testo di ancoraggio, dovresti evitare di usare sempre le stesse parole. Dal momento che tale pratica può portare a una penalizzazione di Google. Potresti perdere l’opportunità di ottenere di più dal tuo lavoro.

Devi garantire che l’anchor text sia inserito in modo naturale in modo che non sia troppo artificiale nel testo. Per questo, l’ideale è creare un elenco con le parole chiave a cui sei interessato a lavorare per fare in modo che il testo di ancoraggio dei collegamenti che ricevi includa questi termini.

Ora sai che gli ultimi aggiornamenti di Google sono un buon momento rivedere la tua strategia. Devi migliorare le tue strategie di link building? Vuoi sapere come applicare i nuovi tag sponsorizzati e gli UGC? In Antevenio siamo specialisti SEO. Ottieni risultati migliori grazie al traffico che otterrai con il nostro lavoro di branding SEO.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?