Posizionamento web: tutte le chiavi per migliorarlo

maggio 15, 2020
Redazione
SEO
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Per migliorare il posizionamento web non ci sono scorciatoie. Ciò che abbiamo sono strategie efficaci per raggiungere questo obiettivo. Non farti ingannare! L’ottimizzazione dei motori di ricerca è l’arte di massimizzare il punteggio del tuo motore di ricerca attraverso singole pagine Web.

L’esperienza è buona consigliera. Pertanto, quando scommetti sul posizionamento web e punti ai primi risultati di Google, puoi scegliere alcune di queste tattiche. Secondo gli esperti il 2020 è un anno di forti tendenze. Ma se vuoi migliorare il tuo posizionamento, ci sono alcuni fattori che dovresti conoscere.

L’algoritmo BERT e l’ottimizzazione incentrata sull’utente

Nel 2019, il lancio del nuovo algoritmo BERT di Google ha attirato molta attenzione. Naturalmente, ogni professionista SEO vuole imparare come ottimizzare i contenuti per BERT. Tuttavia, non pensi che sia un’idea migliore creare un piano pensando a come i tuoi utenti vivono le loro esperienze di ricerca?

Questo potrebbe sicuramente aiutarti a capire BERT e qualsiasi algoritmo. Concentrare la tua strategia di posizionamento sull’utente e la produzione di contenuti sono i due migliori strumenti a tua disposizione.

Con l’incorporazione di BERT, Google ha fatto un grande passo avanti per migliorare la coincidenza tra risultati e intenzioni di ricerca dell’utente. Dal punto di vista del contenuto, questo dovrà essere scritto con le ricerche reali che gli utenti effettuano.

Cosa dicono gli esperti?

Alcuni specialisti sottolineano che la ricerca per parole chiave potrebbe persino diventare meno rilevante. Con il set di dati principale per la creazione di contenuti da query suggerite, i SEO più intelligenti saranno quelli che sapranno anticipare e pianificare i loro contenuti con l’intento di ricerca in mente.

L’intenzione di ricerca sopra le parole chiave

Google si aggiorna continuamente per ottimizzare i risultati in base alle intenzioni di ricerca dell’utente anziché concentrarsi sulle parole chiave corrispondenti ai contenuti. In effetti, BERT rappresenta un ulteriore passo nella comprensione del linguaggio naturale degli utenti.

I SEO devono capire la sfumatura di ciò che ciò significa con il loro contenuto. D’ora in poi non sarà necessario lasciare gran parte del lavoro alle parole chiave. I contenuti possono essere scritti in modo più naturale, senza forzare le parole chiave in tutto il testo.

Il posizionamento sul Web richiede contenuti ottimizzati e di qualità

Quando si parla di marketing digitale, è chiaro che il contenuto è re. È l’arma principale del posizionamento web. Pertanto, è necessario proporre contenuti di qualità che tengano conto sia della struttura del sito che della strategia di collegamento interno, nonché dei tipi di collegamenti creati.

Per migliorare il posizionamento sul Web è necessario creare contenuti pertinenti e di valore. BERT è una svolta. Tuttavia, Google ha chiarito che la qualità dei contenuti deve rimanere una priorità se si desidera proteggere il futuro della propria attività su Internet.

D’altra parte, anche il posizionamento dei termini della coda lunga deve essere preso in considerazione. In realtà, si tratta ancora di circa il 70% di tutte le query di ricerca.

Inoltre, ti aiuterà a costruire l’autorevolezza del tuo sito Web e a migliorare il coinvolgimento dei tuoi contenuti. Pertanto, anche il ROI migliorerà visibilmente nell’analisi.

Di cosa hai bisogno per creare contenuti ottimizzati?

L’obiettivo è cambiare la mentalità, dal momento in cui il posizionamento del web ci passa per la testa fino al momento in cui iniziamo a digitare i contenuti. È il contenuto che affronta una conversazione completa in modo completo. Devi passare attraverso quanto segue:

  1. Comprendi chi è il tuo pubblico e com’è il suo processo di ricerca.
  2. Comprendi l’intenzione alla base delle domande che pongono o dei problemi che devono risolvere.
  3. Fornisci soluzioni o risposte nei formati che preferisci attraverso contenuti accurati, di qualità e autorevoli.
  4. In ogni fase del tuo viaggio cerca di creare sempre un’esperienza soddisfacente per le tue esigenze.

1.- Esperienza e autorevolezza per acquisire fiducia nel posizionamento web

La fiducia generata nell’utente è anche uno dei pilastri delle strategie di posizionamento web. Il motivo è che, di fronte a tanta concorrenza, solo coloro che instaurano relazioni reali con il loro pubblico saranno in grado di rimanere nella mente dei consumatori.

L’autorevolezza di dominio (D.A) è solo un’indicazione dell’affidabilità e della qualità del contenuto di un sito Web. In questo senso, una delle maggiori sfide per la SEO è la lotta contro notizie false e informazioni false. Due strategie che ottengono traffico rapidamente ma distruggono completamente il D.A di un sito.

2.- Pensa al SEO mobile

Lo sapevi che a ottobre 2016 la navigazione mobile ha superato la navigazione desktop? Esatto, secondo Tech Spot, i dispositivi mobili e tablet ora rappresentano il 51,3% di tutta la navigazione.

Sai che trascorri la maggior parte del tuo tempo sveglio con il cellulare in mano? Tuttavia, non lo consideri come una strategia per il posizionamento web.

Nel novembre 2016, Google ha introdotto il “primo indice mobile”. Ciò significa che la versione mobile del tuo sito Web è ora il punto di partenza per ciò che Google indicizza.

Ha inoltre introdotto le pagine mobili accelerate (AMP) per riflettere il fatto che la maggior parte della navigazione in Internet nel mondo è stata ora eseguita su dispositivi mobili.

Le pagine AMP utilizzano una versione ridotta di HTML in modo che il contenuto si carichi alla velocità della luce e solo con gli elementi essenziali. Configurare il tuo sito WordPress per pagine mobile accelerate è una strategia di posizionamento chiave molto efficace.

Fondamentalmente perché il web è lento per molte persone. In effetti, la maggior parte delle persone che usano Internet lo fanno tramite un telefono cellulare, spesso con una connessione 2G o talvolta 3G. Le pagine AMP vengono visualizzate come una versione essenziale di ciò che contiene la tua pagina.

3.- Ricerche vocali

Pensaci, la ricerca vocale è il presente. Un grande cambiamento sta avvenendo nelle ricerche grazie al linguaggio naturale. Se si desidera migliorare il posizionamento Web, è necessario diventare un alleato delle ricerche vocali. Alcune informazioni da prendere in considerazione al riguardo sono:

Entro il 2020 il 50% di tutte le ricerche sarà costituito da ricerche vocali: Comscore evidenzia che la ricerca vocale fa già parte della vita quotidiana. Ancora una volta, il modo più semplice per trovare una risposta è verbalizzare e porre una domanda. La ricerca vocale sarà utilizzata dalle masse in un futuro non troppo lontano.

Secondo il Google, tra il 20 e il 25% delle richieste sui dispositivi mobili sono ricerche vocali. La ricerca vocale sta crescendo man mano che le persone imparano a utilizzare gli assistenti virtuali.

Le ricerche vocali sono composte (in media) da 4 a 8 parole, rispetto alle tradizionali query basate su testo, che generalmente sono da 1 a 3 parole. Ha senso, no? La ricerca vocale utilizza un linguaggio più naturale.

Effettua ricerche di parole chiave e presta attenzione a quante domande le persone usano per trovare il tuo sito Web o cercare informazioni sul tuo sito dopo aver utilizzato la loro ricerca interna.

4.- La velocità delle ricerche vocali

La ricerca vocale è più veloce. Gli umani possono pronunciare 150 parole al minuto invece di scriverne 40. Di conseguenza, secondo Statista, il 43% delle persone afferma che l’uso della ricerca vocale è più veloce dell’uso di un sito Web o di un’applicazione.

Il 28% delle persone pensa che la ricerca vocale sia una forma di ricerca più precisa.

Il 25% delle ricerche nella barra delle applicazioni di Windows 10 è vocale. Qualcosa che proviene dal desktop e nemmeno da un dispositivo mobile!

Il 19% delle persone usa Siri almeno una volta al giorno e il 37% delle persone lo usa mensilmente. D’altra parte, il 23% degli utenti Microsoft utilizza Cortana mensilmente e il 19% Amazon Alexa.

L’uso dei consumatori è in aumento: il 51% dei consumatori usa gli assistenti vocali nelle automobili e il 39% usa gli assistenti vocali nelle case. Ciò indica che esiste già un livello di comfort superiore con la tecnologia di ricerca vocale.

Come ottimizzare il posizionamento Web per le ricerche vocali?

La grande domanda è come è possibile ottimizzare i contenuti per adattarsi meglio alle ricerche vocali. Ecco alcuni dei modi in cui puoi farlo:

  • Usa più frasi colloquiali nei tuoi contenuti.
  • Include una pagina FAQ da cui è possibile estrarre facilmente risposte semplici.
  • Utilizza il markup dei dati strutturati per fornire ai dispositivi di ricerca vocale suggerimenti rapidi sui tuoi contenuti.
  • Usa parole chiave a coda lunga: la ricerca vocale generalmente contiene molte più parole rispetto alla ricerca di testo.

Devi migliorare il posizionamento web in modo semplice ed efficace? In Antevenio possiamo aiutarti con strategie SEO efficaci basate sulle parole chiave pertinenti alla tua attività.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies