Questi sono i 3 motivi più comuni per cui puoi essere bannato da Twitch

Settembre 14, 2021
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

bannati su Twitch

Essere bannati su Twitch è uno degli inconvenienti più comuni affrontati oggi da tutti i content creators e gli streamer. Twitch si è posizionata come una delle piattaforme più importanti per lo streaming live di videogiochi nel mondo. Oggi compete con YouTube come uno dei principali social network di intrattenimento.

Le tendenze suggeriscono che il mercato dei videogiochi continuerà a crescere poco a poco nel tempo. Per questo motivo avere una presenza sul social di Twitch è importante se si vuole ottenere visibilità e coinvolgimento quando si gareggia nel mondo degli streamer.

Conoscere dalla testa ai piedi ciascuna delle linee guida dell’azienda Amazon è molto importante da raggiungere su questa piattaforma. Milioni di persone utilizzano quotidianamente il servizio di streaming Twitch. Pertanto, è necessario disporre delle basi della piattaforma per evitare di essere sanzionati.

Quali sono le conseguenze dell’essere bannato su Twitch?

conseguenze dell'essere bannato su Twitch

Il termine significa “Proibito” in inglese. È definita come l’azione di vietare o bloccare un server online, ad esempio i videogiochi. Ciò influisce sull’IP del computer ed è solitamente collegato a una violazione delle linee guida di un’azienda, in questo caso, Twitch.

I cosiddetti ban possono essere permanenti o temporanei a seconda del tipo di reato che lo streamer ha commesso nelle sue trasmissioni. La gravità e la recidiva possono essere fattori determinanti se una piattaforma decide o meno di vietare un particolare account.

Ciò che è chiaro è che le conseguenze possono essere disastrose. A volte possono bloccare un account per un certo periodo di tempo. Nel peggiore dei casi, la rimozione del profilo può essere permanente, sprecando molto lavoro e fatica.

Il dominio di Twitch sul mercato

Il dominio di Twitch sul mercato

Twitch è una delle piattaforme più importanti oggi quando si tratta di videogiochi in streaming. Ecco perché i ban di Twitch sono all’ordine del giorno e sempre più account o persone si preoccupano di non infrangere i regolamenti e di generare contenuti adatti a tutti i tipi di pubblico.

In effetti, il successo di Twitch ne ha fatto l’alternativa a YouTube, soprattutto nel mondo dei videogiochi. Anche se c’è chi preferisce YouTube per le proprie trasmissioni perché ha alcune funzioni più facili da usare rispetto alla sua controparte. Ultimamente, le regole di Twitch hanno obbligato molti utenti a preoccuparsi di rendere i contenuti conformi alle regole.

Va ricordato che Twitch ha generato 17 miliardi di ore visualizzate sulla sua piattaforma nel 2020. L’effetto della pandemia di coronavirus e la permanenza delle persone nelle loro case hanno prodotto un maggiore aumento del consumo di queste piattaforme di intrattenimento. Esatto, l’utilizzo di Twitch è aumentato dell’84% in più rispetto al 2019.

Questi sono solo alcuni numeri che indicano che nonostante il maggiore utilizzo della piattaforma, ci sono stati anche un numero maggiore di ban su Twitch. Ormai sono tanti gli utenti che vogliono conoscere bene il brand acquistato nel 2014 da Amazon per sfruttarlo al meglio ed evitare di perdere i propri follower, i propri contenuti e la propria reputazione online.

Cause che hanno costretto Twitch ad aumentare le sue restrizioni

Cause che hanno costretto Twitch ad aumentare le sue restrizioni

Da tempo la piattaforma streamer ha deciso di avere una mano forte contro chi viola le sue policy e il ban su Twitch si è diffuso a moltissimi account. Principalmente, questo irrigidimento delle politiche è iniziato con l’uso di musica con diritto d’autore nei diversi spettacoli dal vivo. Dopo un primo avvertimento in merito, molti utenti hanno ignorato questa regola.

Il brand Amazon ha ormai fatto tremare molti con il ban su Twitch agli utenti che continuano a infrangere le regole. Le regole sono state aggiornate per evitare l’incitamento all’odio e alle molestie indipendentemente dal fatto che tu sia uno streamer, un content creator o un utente.

Il modo in cui alcuni streamer si sono rivolti al pubblico in generale o hanno commentato persone diverse è stato attentamente esaminato da Twitch. Anche i messaggi ricevuti in chat vengono studiati per determinare se infrangono o meno le regole. Per questo in molti ormai consigliano di moderare il tono e il vocabolario da utilizzare e di essere molto consapevoli di quanto si scrive.

I 3 motivi più comuni che generano un ban su Twitch

motivi più comuni che generano un ban su Twitch

Ci sono diversi motivi per cui un utente su Twitch può essere bannato, ma i seguenti sono alcuni dei motivi principali che sono suddivisi in tre categorie generali: incitamento all’odio, molestie sessuali e molestie generali:

1.- Incitamento all’odio

Incitamento all'odio

Come in molti altri social network, insulti e vocabolario forte possono essere motivo di sanzioni, soprattutto dopo le nuove normative. Inizieranno a rivedere e monitorare tutto il contenuto di un account e, se viene rilevato qualcosa di offensivo, procederanno a inviare un avviso o addirittura a eliminare l’account.

Evita tutti i commenti su discriminazione razziale, xenofobia, religione e preferenze sessuali. Non importa se è fatto intenzionalmente o meno, saranno rivisti e avranno senza dubbio una conseguenza.

Altri motivi legati all’incitamento all’odio includono:

  • Usare insulti discriminatori in modo generale o verso una persona specifica. Saranno consentite altre parole che violano questa politica, ma non vengono utilizzate come segno di affetto o orgoglio. Fanno eccezione gli insulti in alcuni temi musicali, purché la canzone non inciti all’odio e il contenuto non sia accompagnato da discriminazioni.
  • Promuovere, minacciare o incoraggiare la violenza in qualsiasi forma. Promuovere danni fisici a persone o gruppi di persone a causa delle loro caratteristiche protettive, compresa l’età, promuovere la distruzione di edifici, ecc.
  • Pubblicare, caricare o utilizzare simboli di odio, comprese le immagini naziste.
  • Sono vietati meme, discorsi o combinazioni di emoticon che promuovono la disumanizzazione o perpetuano stereotipi negativi.
  • Contenuti che esprimono che una persona con caratteristiche speciali è considerata inferiore alle altre persone. Qui si applicano carenze fisiche, mentali o morali.
  • Prendere in giro un evento e le sue vittime o negare che i crimini si siano verificati in eventi ben documentati. Ad esempio, l’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre 2001.
  • Contenuti che fanno argomentazioni infondate nei confronti di gruppi protetti o che cercano di incutere timore per motivi di salute e sicurezza.
  • Essere membri o supportare gruppi di odio, inclusa la diffusione di contenuti da tali gruppi come i nomi di utenti offesi o in relazione alla terminologia nazista.

2.- Molestie sessuali: il divieto su Twitch

Molestie sessuali: il divieto su Twitch

L’utilizzo di qualsiasi tipo di contenuto che inciti all’odio sessuale o verso qualsiasi persona di qualsiasi genere comporterà il divieto di Twitch. E, come in quasi tutte le piattaforme social, questo tipo di contenuti è vietato. Tra i più frequenti ci sono i seguenti:

  • Fare commenti non richiesti su organi sessuali o sulle pratiche sessuali in generale.
  • Fare proposte sessuali a altre persone in modo non consensuale.
  • Avere commenti ripetitivi che costituiscono un reato di molestie sessuali.
  • Avere commenti dispregiativi sulla moralità di una persona.
  • Fornire opinioni degradanti sull’orientamento fisico o sessuale di una persona.
  • Cercare di incoraggiare altre persone a fornire contenuti o favori sessuali attraverso l’uso di minacce, tangenti o estorsioni.
  • Condividere file, immagini, video o file di nudi o contenuti sessualmente allusivi.
  • È vietato minacciare o pubblicare contenuti sessuali di un’altra persona sulla piattaforma.

3.- Divieto di Twitch per molestie o bullismo

Ha a che fare con il divieto di condividere determinati contenuti o di violare alcune regole. La verità è che per il brand, i content creators devono essere visti come persone che trasmettono determinati valori favorevoli per la società e sono modelli di ruolo per molti.

Se hai un gran numero di follower, il livello di professionalità e rispetto deve essere più alto, poiché la responsabilità cambia. Trattare la community con rispetto è uno dei modi migliori per evitare di essere banditi da Twitch. Per quanto riguarda le molestie, è vietato:

  • Desiderare che altre persone vengano danneggiate o uccise.
  • Supportare o esprimere approvazione per le esperienze traumatiche passate o attuali delle persone.
  • Fare minacce implicite ad altre persone.
  • Dirigere attacchi personalmente agli altri.
  • Condividere contenuti artistici negativi o manipolati per danneggiare l’immagine di una persona.
  • Incitare i follower a molestare un’altra persona. Questo vale indipendentemente dal fatto che la persona sia o meno sulla piattaforma Twitch.
  • E’ vietato contattare altre aziende per infliggere qualsiasi tipo di danno alla persona.
  • Attaccare deliberatamente e non consensualmente qualcuno in una partita in una trasmissione. Ciò include sfruttare la trasmissione di qualcun altro in un videogioco multiplayer e interrompere lo streaming.
  • Perseguitare una persona.
  • Creare account dedicati alle molestie con nomi minacciosi nei confronti di un gruppo o settore specifico.

Vuoi evitare di essere bannato mentre trasmetti il ​​meglio dei tuoi contenuti su Twitch? In Antevenio possiamo aiutarti a definire un’adeguata strategia di Marketing & Comunicazione nel settore Esports e Gaming. Definisci, gestisci e migliora i tuoi contenuti con noi.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?