15 campagne pubblicitarie post covid che ti lasceranno senza parole

Luglio 06, 2020
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

 Campagne pubblicitarie post covid

Superata la parte peggiore della crisi sanitaria, l’ottimismo e la gioia tornano nelle strade, ma anche nelle campagne pubblicitarie nel periodo post covid. Dopo questi duri mesi di confinamento, ora è il momento di riattivare i consumi e recuperare tutta l’illusione perduta.

Si intuisce subito che le cose sono cambiate. Pertanto, i brand devono adattare le loro strategie alla “nuova normalità”. Ma comporta una grande trasformazione nelle abitudini di consumo. La chiave per diventare più forti e continuare ad accompagnare i clienti durante il viaggio sarà, in parte, sfruttare i messaggi incoraggianti e ispirare i contenuti.

Empatia e responsabilità sociale: due fattori da sfruttare

La crisi sanitaria è penetrata profondamente nei consumatori che hanno visto come l’ordine delle loro priorità sia stato irrimediabilmente modificato. Sebbene durante il confinamento i media e i contenuti relativi alla covid19 abbiano avuto un grande impulso, anche le emozioni all’interno delle strategie di marketing dei brand sono stati importanti.

La crisi causata da SARS-CoV-2 va ben oltre un problema di salute. Ha anche causato una profonda crisi economica. Ciò induce indubbiamente aziende, brand e strutture a essere prudenti nelle loro strategie di business.

Con la riduzione graduale, è tempo di sollecitare gli utenti a consumare. Tuttavia, affinché l’effetto sia positivo, la strategia deve rimanere focalizzata sull’empatia con il pubblico. Perché la realtà è che oggi gli utenti vogliono identificarsi con i valori più intangibili di un brand. E questo aspetto sarà decisivo nelle tue decisioni di acquisto.

Quindi i brand che vogliono rimanere nella mente del pubblico devono mostrare, più che mai, il loro livello di impegno sociale. In altre parole, se vogliono raggiungere il consumatore post covid, i brand devono principalmente occuparsi dei problemi che preoccupano gli utenti, accompagnare i clienti in queste nuove fasi ed essere parte attiva del cambiamento sociale.

Uscire dalla crisi rafforzati, una necessità per i brand

Con il Covid19 si è scatenata una tempesta, e forse la nuova normalità riguarderà tutti. Con focolai che si rilevano ovunque, per i brand che continuano a lavorare sulla loro strategia di branding può significare la sopravvivenza a lungo termine.

Pertanto, in questo momento, i brand devono dare il massimo per dimostrare che sono ancora lì per i loro clienti. Lasciando da parte le strategie più puramente commerciali, è tempo di concentrarsi sul lavoro sulla tua immagine e sulla reputazione del brand. E uno dei modi migliori per farlo è stato quello di utilizzare il formato video per fare campagne pubblicitarie durante il confinamento.

Il video è uno dei formati più consumati al mondo. Indubbiamente, ha guidato le strategie pubblicitarie digitali nel corso del 2019. E, di fatto, la sua spinta non si è fermata. Anche se ora, di fronte alla nuova realtà, i brand devono affrontare una nuova sfida per essere visibili e attirare l’attenzione del pubblico. Cioè, concentrati sul raccontare una storia che si identifica con il pubblico.

Le migliori campagne pubblicitarie post covid.

La situazione eccezionale ha generato eccellenti esempi di campagne pubblicitarie video che dimostrano che, di fronte alle avversità, brand e consumatori possono continuare a camminare insieme.

1.- Mettiamoci la faccia

Una delle campagne pubblicitarie più sorprendenti post covid è stata l’iniziativa di Damos La Cara. Più di 1.400 imprese familiari si sono unite per affrontare la sfida della ripresa economica e inviare un messaggio di calma e unità ai consumatori.

L’iniziativa è nata all’inizio della crisi da Covid19 ed è composta da oltre 1,4 milioni di persone che fanno parte di diverse aziende familiari, un tipo di struttura aziendale che in Spagna rappresenta il 90% del tessuto produttivo. Si tratta di aziende strettamente legate al locale che vogliono riflettere la pluralità di progetti e mostrare il loro sostegno ai problemi economici e sociali derivati ​​dalla crisi.

La campagna è stata ideata da Rebold, una società di marketing e comunicazione appartenente al gruppo ISP, ed è stata veicolata sui social network, dove è raggruppata sotto gli hashtag #DamosLaCara, #DonarLaCara, #AurpegiaEmatenDugu e # Dámolacara. Ha anche un sito Web, dove è possibile vedere tutte le storie e persino aderire all’iniziativa.

Oltre ad essere un movimento cittadino, il suo obiettivo è di rivendicare la necessità di una collaborazione pubblico-privato per ripristinare l’economia e raggiungere un modello di produzione più sostenibile.

In questo annuncio specifico hanno provato a riflettere e stabilire fedelmente l’essenza dell’iniziativa: evidenziare l’importanza dell’unità, della solidarietà e della resilienza, comprendendo che siamo tutti parte di una grande famiglia.

2.- Decathlon: fa caldo e si esce

Questo annuncio è un ottimo esempio di campagne pubblicitarie intelligenti per molte ragioni. Se il messaggio principale durante il confinamento era “rimanere a casa”, per la ridurre i contagi, Decathlon ha voluto supportare gli atleti e i clienti creando questo annuncio totalmente incentrato su di loro.

Con un susseguirsi di immagini di ambienti sportivi vuoti, accompagnate da una colonna sonora emotiva, hanno costruito la campagna sulla base dei commenti che gli utenti avevano inviato esprimendo l’immenso desiderio di uscire per strada e riunirsi con i propri cari.

Allo stesso tempo, estraendo parole chiave dai commenti sono riusciti a costruire una frase incoraggiante: “un giorno in meno per tornare con più desiderio che mai”. Senza dubbio, un modo per esprimere che la solidarietà e l’unità di tutti sarà il motore per superare la crisi.

3.- Cabify

L’umorismo è una delle risorse più potenti che un brand può utilizzare. Se, inoltre, riesce a emozionare gli spettatori, il risultato è un cocktail di successo. Questo è ciò che Cabify ha realizzato in una delle campagne pubblicitarie durante la fase post covid che ha risuonato maggiormente sui social network.

La strategia di storytelling di Cabify in questo annuncio ha avuto molto successo. Fa sentire lo spettatore pienamente identificato presentando diverse situazioni legate al confinamento. E lo fa con molta ironia, creando un’incoerenza tra ciò che viene detto e ciò che viene fatto.

Dopo aver ricordato cosa hanno fatto negli ultimi mesi, continuano a fare una promessa per il futuro. Sottolineano l’idea che, nonostante le difficoltà, il futuro si presenta con rinnovato entusiasmo e voglia di vivere.

4.- Leroy Merlin

C’è sicuramente un problema che molte persone hanno risolto con una riparazione durante i giorni di confinamento. Infatti nelle case ci sono sempre problemi funzionali con i mobili, l’impianto elettrico o idrico.

Leroy Merlin voleva approfittare di questa circostanza per creare una delle campagne pubblicitarie più interessanti durante il post covid, con l’intenzione di attirare gli utenti verso il brand per affrontare tutte quelle manutenzioni a cui hanno pensato negli ultimi mesi.

L’annuncio celebra la famiglia e il desiderio di stare insieme. Ma lo fa con un potente motto: “Ora che usciamo di nuovo, lascia che il bello entri nella tua casa”. Pertanto, invita i consumatori a apportare miglioramenti e, allo stesso tempo, a notare i prezzi bassi del brand.

5.- McDonalds: McDelivery e McAuto

Parlando di campagne pubblicitarie durante il post covid, non puoi fare a meno di notare questo annuncio MacDonalds. L’obiettivo è comunicare ai clienti la riapertura del loro stabilimento. Ma soprattutto la disponibilità dei suoi servizi McDelivery e McAuto.

Invia un messaggio di tranquillità ai clienti e chiarisce le misure igieniche che hanno implementato per garantire la sicurezza di tutti gli utenti. Evidenziando il desiderio di stare insieme ai clienti.

6.- Cruzcampo: Fuerza Bar

Pochi giorni dopo la riapertura dei bar Cruzcampo ha sorpreso tutti con un’altra delle campagne pubblicitarie più semplici ma efficaci durante il post covid. Molti utenti sognavano di poter andare nei locali e incontrarsi di nuovo.

Il brand della birra esorta i consumatori a confrontarsi con la prima birra che berranno. Ma lascia che lo facciano andando a prenderla nello stesso bar dove hanno preso l’ultima. In questo modo, dimostrano che, dietro la semplicità dell’annuncio, esiste una storia molto più complessa: riprendere le cose esattamente da dove erano state interrotte. Questo è esattamente ciò che rende così bello l’annuncio.

7.- Head & Shoulders: #ConLaCabezaBienAlta

Questo annuncio di Head & Shoulders vuole fare un omaggio a quei professionisti che sono in prima linea contro il virus. Non bisogna dimenticare che l’Italia è stata uno dei paesi più colpiti dalla pandemia. Pertanto, quale modo migliore per celebrare i medici riconoscendo la forza del settore sanitario?

Inoltre, lo slogan della campagna “ConLaCabezaBienAlta” ha un doppio significato. Parla di uno spirito volto a superare le avversità. Ma, allo stesso tempo, si riferisce anche ad avere una testa libera dalla forfora, la funzione di questo brand di shampoo.

8.- Eni

Questa campagna della compagnia energetica Eni colpisce suscitando entusiasmo tra il pubblico. Invia un potente messaggio di speranza. È una pubblicità molto emotiva e vicina al pubblico. Il discorso ha lo scopo di dare consigli per affrontare i momenti difficili che se stiamo attraversando.

Quindi, approfittare del tempo a casa, riordinare gli armadi, riscoprire vecchi album fotografici, ascoltare buona musica, godersi un buon libro e tenersi in contatto con i propri cari sono quei piccoli gesti che fanno la differenza e aiutano le persone a guardare al futuro e andare avanti.

9.- Burger King: #ATUMANERA

Durante la quarantena Internet è stato invaso da video di utenti in abiti da casa. A volte con l’intenzione di condividere i loro momenti con il pubblico e, altre volte, a causa di incidenti sfortunati. Chi non ricorda quel giornalista che è apparso dal vivo mentre i suoi colleghi sbalorditi guardavano mentre vestiva camicia, cravatta, giacca ma senza pantaloni?

La campagna #ATUMANERA di Burger King cerca di entrare in empatia con i consumatori. Li invita ad andare a consumare hambuerger della catena di hamburger come e quando vogliono. Anche con tutti quegli indumenti super comodi che hanno usato durante il confinamento.

10.- Pupa Milano

Il brand cosmetico Pupa Milano ha lanciato una di quelle campagne pubblicitarie durante il post covid, molto semplice ma con un messaggio potente. In questo annuncio, voleva mostrare le prime uscite di persone in strada. È una rappresentazione dell’idea di godersi di nuovo la vita.

Per catturare lo spettatore mantengono un mistero fino alla fine, parlano di “qualcosa” che tornerà in tutte le situazioni della vita: a casa e in strada. Alla fine, si rivela che è il sorriso, in una chiara allusione all’uso delle maschere. In questo modo, inviano un messaggio di speranza per il futuro.

11.- Amena: starò pagando troppo?

Con la domanda “Sto pagando troppo?”, Amena lancia una delle campagne pubblicitarie più appropriate durante il post covid, poiché le persone hanno avuto molto tempo per pensare durante il confinamento.

Quindi, coglie l’occasione per segnalare che inizia la nuova normalità e che è tempo di provare nuove cose. Una di queste è “El Tarifón”, una grande offerta su rete fissa e Internet. Va notato che la campagna è molto efficace, soprattutto per la canzone di sottofondo, in cui la domanda viene ripetuta più volte e rimane incisa nella memoria.

12.- Activia: “Continuo a prendermi cura di me stesso”

Durante il confinamento, molte persone hanno usato il tempo libero per ripensare le loro abitudini di vita e abbracciare quelle più sane.

Activia ha potuto approfittarne per le sue campagne pubblicitarie durante il post covid. Pertanto, nella pubblicità mostra alle persone che riprendono le loro normali attività come mantenere le buone abitudini acquisite.

13.- Atresmedia: “Un grande paese”

Durante i mesi di pausa, le piattaforme di streaming hanno aumentato le loro iscrizioni in modo consistente. Molte persone erano alla ricerca di intrattenimento con serie e film. Tuttavia, per l’industria ha comportato un’interruzione della produzione.

Con la post covid Atresmedia ha lanciato questo annuncio della campagna #UnGranPaisEnMarcha raccontando una grande storia al ritmo del classico “The Show must go on” dei Queen per chiarire che stavano tornando all’azione con la produzione dei loro programmi e serie.

14. Hyundai

I grandi brand automobilistici lanciano sempre campagne pubblicitarie piuttosto interessanti. Questo in particolare è un ottimo esempio di lavoro di branding e reputation.

Per dimostrare il proprio impegno nei confronti dei propri clienti, Hyundai ha rinunciato a mostrare un modello di auto o elementi di guida. L’obiettivo dell’annuncio è pubblicizzare le strutture fornite dal brand per le persone che hanno perso il lavoro a causa della crisi.

15.- Renault

Renault ha lanciato una delle campagne pubblicitarie più ottimistiche durante il post covid. Guidando di nuovo un veicolo Reanult per le strade e le autostrade, parlano della possibilità di vivere tutte le “ore” desiderate, che sono sicuri arriveranno, mostrando una grande speranza per il futuro.

Il post covid è il momento perfetto per lavorare sulla tua strategia di branding. Se hai bisogno di un buon supporto, in Antevenio ti aiutiamo a dare visibilità al tuo brand attraverso azioni di branded content sui media pertinenti.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?