Che cos’è il ROB (Return of Brand) e in cosa consiste?

febbraio 14, 2020
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Conoscere cos’è ROB è essenziale se vuoi davvero conoscere il successo del tuo brand. L’acronimo ROB risponde al termine inglese “Return of Brand“. Di solito si parla di ROI. Ma il ROB ha un’importanza crescente nel ritorno finanziario di un’organizzazione.

Il concetto di ROI si concentra sul rendimento degli investimenti. È il risultato economico generato dalle diverse attività di marketing. Il ROB, invece, è responsabile di una dimensione del brand che va ben oltre l’economia.

Il ROB può essere definito come un concetto molto più semplice da misurare e migliorare. Il ritorno sul brand o ROB influisce principalmente sul processo commerciale.

Sapere cos’è il ROB è importante perché, in breve, è il valore del brand stesso. Riguarda l’immateriale. Ma questo aspetto del marketing digitale ha valore, un ritorno economico a lungo termine.

Scopri cos’è il ROB nella costruzione del brand

Per sapere cos’è il ROB, è importante sapere su quali brand ha influenza. Ha a che fare con molti fattori. Uno dei principali è che è costruito attraverso l’interazione con la tua organizzazione. Ma anche la gestione di tale interazione ed esperienza del cliente sono elementi chiave nella costruzione del brand.

Per capire meglio come funziona e cos’è il ROB, Adidas può essere un esempio. Come sapete, ci sono modelli sportivi che possono costare € 500. È certo che la ragione per l’acquisto di scarpe con questo prezzo sia il suo valore come brand, dal momento che ci sono altre opzioni molto più economiche con la stessa qualità del materiale.

Adidas non potrebbe vendere tali scarpe se non fosse per il valore del proprio brand. Si tratta del ritorno del brand. Questo concetto crea un universo di valori aggiunti attorno al prodotto. Questo mondo intangibile rende il prodotto abbastanza attraente da essere pagato per il suo valore aggiunto.

Conoscere ciò che il ROB offre, dà una visione più chiara del valore di un prodotto, che non è solo il suo valore economico. Sono tutti quei valori, idee o stili di vita associati al brand. Il prezzo è solo la conseguenza del ritorno del brand.

La chiave per generare un ROB che aumenta nel tempo passa attraverso la costruzione di un brand solido.

Come misurare il ROB

Un elemento chiave nella misurazione del ROB è l’impatto del valore del brand sulle prestazioni delle azioni di marketing. Il valore del brand è un insieme di attività o passività. Questi elementi sono costruiti attraverso il brand e l’immagine del brand. Il suo risultato è quello di creare affinità e connessione tra il brand e i consumatori migliorando la fedeltà dei clienti.

L’efficienza nella costruzione del brand si baserà sul prodotto o servizio e sul ROB. Pertanto, la costruzione del brand è fondamentale nella gestione, non solo del marketing, ma anche della strategia commerciale di qualsiasi azienda.

Riconoscimento del valore del brand

Alla fine degli anni ’80, il valore del brand ha contribuito a creare e supportare l’idea che i brand siano risorse che guidano le prestazioni aziendali nel tempo. Questa idea ha reso necessario considerare cosa fa il marketing, chi lo fa e quale ruolo gioca nella strategia commerciale.

Il valore del brand ha inoltre modificato la percezione del brand dimostrando che una strategia di branding non è solo un aiuto tattico per generare vendite a breve termine. Questo valore indica anche un supporto strategico che aggiungerà valore a lungo termine all’organizzazione.

Chiavi per costruire un brand

Costruire un brand di successo è più che progettare un logo accattivante. Per capire cos’è il ROB, è necessario comprendere gli elementi che compongono un brand per la sua corretta costruzione:

A.- Immagine del brand

Il buon ritorno di un brand sarà determinato dal suo aspetto visivo. In questo aspetto visivo e tangibile vengono identificati molti elementi. Il logo è la rappresentazione grafica del brand, nonché la sua parte tipografica o la sua tavolozza di colori.

Tutto comunica. Pertanto, la scelta dell’immagine tipografica dovrebbe essere coerente con il concetto di brand che si desidera proiettare.

B.- Denominazione

Al logo è allegata la scelta del nome o della denominazione. Come il logo nella sua rappresentazione grafica, la denominazione deve proiettare l’essenza della tua organizzazione.

La scelta del brand è assolutamente strategica. Pertanto, è uno degli elementi che favorirà un aumento del ROB. Gli aspetti più elementari passano attraverso la semplificazione della pronuncia e della memorizzazione dei nomi.

C.- Isotipo o immagotipo

Ci sono altri elementi che compongono l’immagine grafica del brand. Uno di questi è l’isotipo. Le organizzazioni che hanno lavorato in modo eccezionale sul proprio brand sono spesso riconosciute semplicemente dalla loro icona, come Nike.

Il logo e l’isotipo possono talvolta essere presentati come un elemento comune: l’isologo. Un esempio può essere visto nel brand Levi.

Un’altra variante più permeabile di questa presentazione grafica è quella dell’immagotipo. In questo caso, il logo e l’isotipo appaiono insieme ma ognuno può essere separato. Potrebbe essere il caso del brand Toyota.

D.- Colori

Oltre a tutta questa parte in cui il brand è rappresentato tipograficamente e iconicamente, anche la scelta del colore è importante. Per la scelta della gamma cromatica di un brand è importante tenere conto della psicologia del colore.

Anche i colori comunicano e sono associati a idee. Pertanto, alcuni sono più adatti di altri per comunicare brand di diversi settori.

E.- Brand

Il brand fornisce una serie di valori aggiunti che saranno collegati al prodotto o servizio dell’organizzazione e del brand stesso.

Il brand è la parte emotiva dell’azienda. Qui sta l’anima del brand ed è ciò che dovrebbe essere proiettato al pubblico target. Per capire cos’è il ROB e il modo migliore per raggiungerlo, è importante notare che gli elementi visivi di un brand sono solo metà della storia.

Le attività meno tangibili sono costruite attraverso una narrativa del brand. La migliore strategia è quella di conoscere i fili emotivi del tuo profilo cliente e raccontare loro la tua storia attraverso canali e con un linguaggio con cui si sentono identificati.

Come essere un brand di successo con il miglior ROB

1.- Usa un motto corretto

Per ottenere un motto appropriato, una delle formule è rispondere a questa domanda: “Qual è la reazione emotiva che vuoi ottenere per coinvolgere il tuo pubblico?

2.- Differenziati dalla concorrenza

Per questo è importante conoscere a fondo il pubblico di destinazione. Conoscere il profilo del tuo acquirente ti aiuterà a creare un brand più accurato. Allo stesso tempo, è importante che tu indirizzi la tua attenzione sulla concorrenza.

È necessario indagare su cosa stanno facendo i tuoi principali concorrenti in termini di identità del brand e come si esprimono attraverso di essa. Individua i punti in comune con la concorrenza e, allo stesso tempo, quelli in cui puoi innovare e differenziarti da essa.

3.- Il brand al centro

Per costruire una strategia di successo che ci premia con un buon ROB, il brand deve essere al centro di tutte le altre azioni. Le azioni in pubblicità, marketing, pubbliche relazioni ecc. Devono essere allineate e coordinate attorno al brand.

4.- Voce univoca

Il brand deve esprimersi con una personalità unica. Per questo, non deve essere utilizzata solo un’immagine aziendale coerente. La proiezione del brand si esprime anche nel modo e nel tono di scrittura dei messaggi nei social network e nelle campagne. L’essenza del brand deve essere espressa attraverso un linguaggio che lo rappresenti.

Parametri per la valutazione di un brand

Un altro elemento che ti aiuterà a sapere cos’è il ROB è sapere come viene valutato un brand. In effetti, i brand saranno i principali motori del valore aziendale nel 21 ° secolo.

Questo è qualcosa che gli investitori e gli imprenditori stanno attualmente riconoscendo. Manager e pianificatori finanziari utilizzano sempre più modelli per monitorare il valore del brand. I brand più votati non devono essere le organizzazioni più grandi o più forti sul mercato.

A.- Soddisfa ciò che prometti

La caratteristica principale di un brand è soddisfare ciò che promette. E, inoltre, bisogna essere coerenti con ciò che prometti. Questa è una grande opportunità per le piccole organizzazioni. Qualsiasi organizzazione può creare un grande brand indipendentemente dalle sue dimensioni e risorse.

Più un’organizzazione è grande, complessa e globale, più difficile sarà rimanere fedele. Sarà anche più difficile garantire ciò che si è promesso.

B.- Fornire valore economico ed emotivo

Esiste una relazione diretta tra il valore economico di un brand e il suo valore emotivo. I brand più apprezzati che hanno un significativo valore emotivo e finanziario sono quelli che mantengono ciò che promettono.

Come hai appena visto, il ROB è un elemento in crescita. E in questo senso, un brand di valore è essenziale. In Antevenio siamo specialisti nel brand content. La nostra esperienza può aiutarti a raggiungere il miglior ROB per la tua organizzazione.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies