Cos’è un infoprodotto o prodotto digitale?

Febbraio 19, 2018
Ana Moreno
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Cos´è-un-infoprodotto-o-prodotto-digitale-

Sai cos’è un infoprodotto? Sapevi che esistono modelli di business basati sulla conoscenza? Si tratta di vendere prodotti digitali, i cosiddetti infoprodotti. Ma cos’è un infoprodotto?

A seguire troverai gli elementi per comprendere cos’è un infoprodotto, quali sono i suoi vantaggi, che tipo di infoprodotto puoi creare e alcuni esempi di infoprodotto.

Cos’è un infoprodotto

Un infoprodotto, come segnala il nome, è un prodotto formativo che si distribuisce attraverso Internet e che è basato sull’esperienza di un professionista. L’obiettivo è risolvere un problema o una necessità di un cliente con contenuto di valore.

Gli infoprodotti si stanno inserendo bene nel mondo dell’imprenditoria digitale, per i seguenti motivi:

  • Per la loro capacità di generare fatturato passivo.
  • Perché possono essere inviati in maniera automatizzata tramite l’email marketing, cosa che facilita la distribuzione.
  • Coprono un’infinità di nicchie formative distinte che fino ad oggi non avevano spazio nella formazione tradizionale.
  • Sono un’opportunità immensa nel mercato della vendita di conoscenza. La domanda formativa cresce ogni anno del 17% e in Europa solo il 2% del mercato è digitalizzato. Ciò significa che il lavoro che resta da fare è enorme.

Tipi di infoprodotto

infoprodotto

Creare un infoprodotto può essere molto semplice o molto complesso. Tutto dipende dal formato e dalla qualità del contenuto. E a seconda di ciò e del settore potrai stabilire un prezzo maggiore o minore.

Questi sono i principali infoprodotti che puoi trovare:

1.- Guide o manuali in pdf

infoprodotto

È l’infoprodotto più basico e che, a volte, si regala. Sono piccole guide o manuali in pdf di poche pagine.

Questo infoprodotto solitamente si cede come Lead Magnet, ossia come regalo in cambio dei dati di un utente.

2.- Ebooks

infoprodotto

Come indica il nome, un libro elettronico (ebook) è un file digitale creato specificatamente per essere letto tramite dispositivi elettronici.

All’inizio questi dispositivi erano soprattutto i lettori ma attualmente si può leggere di tutto attraverso ogni tipo di dispositivo: computer, smartphones, tablet, ecc.

Semplicemente si effettua l’acquisto online, si scarica e si legge in qualsiasi luogo o momento.

Come deve essere un buon ebook?

Non devi creare nulla di complesso. Pensa nel problema principale che può avere il tuo cliente ideale e prepara un indice con i punti che dovresti trattare per permettergli di risolverlo passo dopo passo.

Dopo, redigi la tua guida, includi alcune immagini o schemi ed è pronto. In meno di una settimana avrai il tuo PDF pronto per cominciare a vendere.

Il numero di pagine non deve ossessionarti. Ciò che ti deve importare è ciò che offri dato che puoi trovare ebooks di 10 o 15 pagine con un gran contenuto e altri da 60 pagine e un’ottima grafica ma senza utilità.

3.- Audio books

infoprodotto

L’infoprodotto audio richiede un buon microfono affinché la tua voce si senta bene e la qualità del prodotto sia buona. Così come l’edizione per l’intro e i saluti in un corso professionale.

Normalmente il prezzo di un audiocorso è più elevato di un libro, perché i risultati sono solitamente migliori. Fare un infoprodotto audio è un’arte che bisogna apprendere. Ci sono audiocorsi che costano poco e molto caserecci e audiocorsi molto professionali, quindi più cari per il valore che offrono.

4.- Autoresponders

infoprodotto

Questo tipo di infoprodotto è molto semplice e adatto ai principianti. Si tratta di corsi che vengono erogati a step tramite posta elettronica. Per esempio una lezione al giorno per un mese. Un altro esempio facile da capire riguardo a un infoprodotto.

Il vantaggio che ha è che, dato che l’alunno riceve il contenuto poco a poco, non devi avere tutte le lezioni pronte per lanciare il prodotto.

5.- Webinars

infoprodotto

Possono essere registrati o in diretta. Un webinar è un seminario ritrasmesso su internet.

Nei webinars puoi esserci pubblico che ascolta in diretta e che alla fine fa domande o ci sono anche webinars formati solamente da contenuto, senza domande e risposte, perché registrati.

I prezzi che puoi proporre per un webinar variano molto. Dipende dalla qualità del contenuto e dalla durata. È uno degli esempi tipici di infoprodotto.

6.- Corsi video

infoprodotto

Qui si apre un ventaglio di possibilità perché i corsi video sono quelli che richiedono più tempo ma che ricompensano meglio a livello economico.

Creare e vendere i tuoi infoprodotti in video richiede un grado di maestria alto. Se crei corsi molto elaborati, con un contenuto molto esclusivo, chiederai cifre alte, ovviamente. Un esempio riguardo a questo tipo di infoprodotto può essere una formazione continua di quattro settimane.

Puoi anche creare corsi con pagamento unico, corsi con pagamento mensile per diversi mesi o corsi ad abbonamento dove puoi fornire contenuto premium sempre disponibile. In questo modo quando l’utente ha finito di pagare non potrà più accedere. Sono i tipici modelli con pagamento mensile. Un altro modo di vedere un infoprodotto.

7.- Iscrizioni mensili a communities private

infoprodotto

Questo è uno degli infoprodotti più difficili da preparare. Ma se lo fai bene ti ricompenserà bene economicamente ed è perfetto per creare communities tra clienti.

Un esempio potrebbero essere i siti come La Tribu. I suoi membri pagano un canone mensile per accedere ad una comunità chiusa in cui ricevono diversi contenuti di qualità.

8.- Prodotti digitali basati su software

infoprodotto

Sempre più la nostra quotidianità è digitale, con database e necessità di automatizzare i processi. Se sei uno sviluppatore qui hai una grande opportunità.

Puoi creare template per WordPress, sviluppare applicazioni o plugins, lanciare servizi di prodotti di sviluppo web, ecc.

9.- Mentorship

infoprodotto

È uno degli step più avanzati e assomiglia alla consulenza tradizionale. Puoi fare mentoring individuale o di gruppo. Consiste nell’accompagnare i tuoi clienti verso una meta che tu hai già raggiunto.

Passi per creare un infoprodotto

Questi sono i passi basici che devi fare per creare un infoprodotto che ti aiuti ad ampliare la tua community:

  1. Ideare la tematica. Rifletti sulle tue conoscenze e esperienze. Cerca di scegliere il tema e il contenuto alla base del tuo infoprodotto che si adatta meglio agli obiettivi prefissati.
  2. Strutturare il contenuto. Elabora una prima idea sul formato, il titolo, lo schema del contenuto, la lunghezza, la grafica, le immagini, ecc. fai uno schema del contenuto dettagliato, con capitoli e paragrafi.
  3. Obiettivo: Definisci un obiettivo per la creazione del tuo infoprodotto. Regalalo in cambio dei dati degli utenti o ai clienti che acquistano un determinato servizio.
  4. Distribuzione: Decidi le forme in cui utilizzerai il tuo infoprodotto nella strategia online della tua attività.
  5. Convalidare: Realizza sondaggi all’interno della tua community riguardo a cosa potrebbero richiedere o a cosa sono interessati. Ti aiuterà a rilevare più facilmente le loro necessità. Analizza altre metriche legate al traffico, download di lead magnet, click sulla newsletter, analisi della concorrenza o similari. In questo modo saprai quali sono i profili del tuo pubblico e, su questa base, identificherai gli infoprodotti che potrebbero interessargli.
  6. Promozione: Definisci un piano e un calendario di lancio e diffusione per il tuo infoprodotto. Non è la stessa cosa proporre un corso online a pagamento o un ebook gratuito in cambio dei dati di un utente.
  7. Misurazione dei risultati: Ogni tipo di infoprodotto richiede una pianificazione e contenuto differente. Analizza infoprodotti di altri professionisti del tuo settore. Non si tratta di copiare ma di cercare ispirazione, imparare e innovare. È un modo per realizzare un infoprodotto interessante e efficace.

Esempi di creatori di infoprodotti

Questi esempi ti permetteranno di comprendere meglio cos’è un infoprodotto.

1.- Agustín Grau

infoprodotto

Imprenditore, scrittore e creatore di infoprodotti sulla libertà personale e finanziaria. Il 100% della sua attività vive grazie agli infoprodotti.

Questo imprenditore digitale lavora in parallelo fornendo servizi e infoprodotti ma è andato oltre e il suo modello di business si basa proprio su questi ultimi.

Cos’è per lui un infoprodotto? Gli infoprodotti sono un modo straordinario di monetizzare la conoscenza, secondo Grau.

2.- Antonio G.

infoprodotto

Esperto di travel blogging e attività online, propone infoprodotti legati al mondo dei viaggi. Ha un obiettivo chiaro: vivere viaggiando e riducendo le ore di lavoro. Attualmente lavora 50 ore al mese.

Cosa che dimostra che avere un obiettivo chiaro fa in modo che i suoi infoprodotti svolgano la funzione corretta. Cos’è un infoprodotto per lui? Vendere conoscenza e aiutare le altre persone ad essere in grado di raggiungere i propri obiettivi.

3.- Javier Manzaneque

infoprodotto

Marketing e video per aumentare la visibilità e le vendite. Il suo infoprodotto è un corso di Facebook Live con OBS.

La tematica centrale è:

  • Differenziarsi dalla concorrenza.
  • Migliorare la reputazione e la credibilità nel mercato.
  • Raggiungere il maggior numero di persone.
  • Divertirsi facendo qualcosa che ti piace e che non sapevi come fare.

Il suo consiglio per capire cos’è un infoprodotto e crearlo: raggiunti i 1000 utenti puoi dare vita al tuo infoprodotto proponendo un sondaggio alla tua audience.

4.- Óscar Fernández Herrero

infoprodotto

Grafico e programmatore web focalizzato sul miglioramento delle conversioni. Il suo infoprodotto è “Scuola di WordPress“.

Cos’è per lui un infoprodotto? L’infoprodotto è un inizio e una fine e non richiede un investimento costante del tuo tempo.

5.- Miguel Aguado

Auditor di attività digitali e coach di diversi bloggers e imprenditori digitali. Il suo infoprodotto è “La tua strategia vincente nel 2017“.

Questo è ciò che pensa riguardo a cosa sia un infoprodotto: lanciarsi e creare un infoprodotto dà molte soddisfazioni.

Gli infoprodotti sono, quindi, un elemento ideale per generare leads. Per questo devono essere creati in base all’audience target. Perché il principale errore è rivolgersi ad un pubblico non adeguato.

Tag:

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies