Come impostare gli obiettivi in ​​Google Analytics: guida passo passo

Aprile 08, 2021
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Come impostare gli obiettivi in ​​Google Analytics

Imparare a impostare gli obiettivi in ​​Google Analytics può essere la barriera tra il successo e il fallimento delle tue strategie di marketing digitale. Perché ciò che non viene misurato non può essere migliorato. Ma può anche accadere che cercare di misurare troppe cose possa portare a quella che è nota come “paralisi da analisi”.

Google Analytics è uno strumento di base per estrarre informazioni approfondite su aspetti di base come chi sono i tuoi visitatori, da dove provengono o quali parole chiave hanno utilizzato.

Tutto questo per cominciare perché una volta che accedono alla tua pagina potrai conoscere esattamente aspetti come le pagine preferite, il tempo che hanno dedicato o da dove hanno abbandonato la visita.

Come puoi vedere, sono tutti fattori elementari per poter ridisegnare le tue strategie di acquisizione utenti. Oltre a definire nuove strategie per fidelizzare gli utenti modificando testi, immagini, CTA, moduli o qualsiasi altro elemento della pagina web.

Cos’è un obiettivo in Google Analytics?

L’impostazione degli obiettivi in ​​Google Analytics è una delle chiavi per dare maggiore valore all’uso di questo strumento. Ecco perché non vale qualsiasi tipo di obiettivo. Al contrario, gli obiettivi che ti sei prefissato in Google Analytics devono essere strettamente collegati ai tuoi obiettivi di business.

La prima cosa da fare è definire i KPI che devi misurare. Solo in questo modo sarà possibile ottenere i dati che aggiungono valore alla tua analisi. Ma se riesci a trovare quelli giusti, sarà la tecnologia stessa a dirti quanti obiettivi sono stati raggiunti. O come puoi fare per raggiungere quelli che non hai centrato.

Tipi di obiettivi

La prima cosa da capire è che gli obiettivi sono configurati a livello di vista. Per farlo, devi andare sull’account su cui vuoi configurare gli obiettivi e accedere come amministratore. Qui è dove troverai lo strumento per la creazione degli obiettivi che Google propone.

Tuttavia, per configurare obiettivi interessanti in Google Analytics, è necessario disporre di un elenco di obiettivi aziendali definito in precedenza. Solo così puoi migliorare con i dati che questo strumento ti offre.

Certo, ricorda che, a volte, sarà necessario suddividere i tuoi obiettivi in ​​micro-obiettivi più facili da definire e identificare. E sarà la somma di quei micro-obiettivi che ti dirà se raggiungerai o meno l’obiettivo finale.

3 opzioni di base per creare obiettivi

opzioni di base per creare obiettivi

In Google Analytics puoi creare 20 obiettivi per ogni vista. Se raggiungi il limite e devi crearne un altro, Google Analytics non ti dà la possibilità di farlo. Quindi quello che dovresti fare è modificare uno degli obiettivi definiti in precedenza con i nuovi dati.

Per configurare gli obiettivi in ​​Google Analytics, lo strumento stesso ti mostra 3 opzioni:

1.- Usa un modello

Se sei un principiante o non sei abituato a impostare obiettivi in ​​Google Analytics, lo strumento ti offre questa opzione. Quindi, devi solo scegliere l’opzione e selezionare un modello dall’elenco.

Nel caso in cui non vedi alcun template, è perché sono pensati per soddisfare le esigenze di aziende di settori specifici. Pertanto, sono disabilitati se non hai selezionato un settore nel tuo account. Per ottenere modelli pertinenti è necessario modificare la proprietà e selezionare una categoria di settore specifica.

 

Google ha creato i modelli per impostare obiettivi utili che consentono di raggiungere risultati standard per un’azienda. Inoltre, li raggruppa in 4 categorie:

  1. Reddito.
  2. Acquisizione.
  3. Consultazione.
  4. Interazione.

Ti consigliamo di creare almeno un obiettivo per ogni categoria. In questo modo capirai con i dati come gli utenti interagiscono con i tuoi contenuti.

2.- Crea obiettivi personalizzati

È l’opzione più utilizzata dalla maggior parte dei brand. Devi semplicemente selezionare “Personalizzato” e, successivamente, sarai in grado di selezionare un tipo di obiettivo tra i 4 che lo strumento incorpora:

  1. Destinazione.
  2. Durata.
  3. Pagine / schermate per sessione.
  4. Evento.

3.- Scegli Obiettivi intelligenti

C’è una terza opzione, gli obiettivi intelligenti, ma dipende dal tuo account che deve soddisfare il seguente insieme di requisiti:

  1. Gli account Analytics e Google Ads devono essere collegati.
  2. Gli account Google Ads collegati dovrebbero inviare abbastanza traffico al tuo sito web. I click da Google Ads devono generare almeno 500 sessioni di Analytics nei 30 giorni precedenti per poter utilizzare gli obiettivi intelligenti. Pertanto, se l’account collegato scende a meno di 250 sessioni nei 30 giorni precedenti nella visualizzazione selezionata, gli obiettivi intelligenti si disattiveranno fino a quando non aumenteranno di nuovo ad almeno 500.
  3. La visualizzazione del rapporto non dovrebbe ricevere più di dieci milioni di sessioni in 30 giorni.
  4. Nella sezione Impostazioni di condivisione dei dati, l’account Analytics deve avere l’opzione “Prodotti e servizi Google” abilitata.

Una volta che il tuo account soddisfa questi requisiti, dovrai eseguire le seguenti azioni:

  1. Abilita l’opzione Obiettivi intelligenti.
  2. Importa obiettivi intelligenti in Google Ads.
  3. Ottimizza il rendimento di Google Ads con gli obiettivi intelligenti. Google consiglia di utilizzare la strategia di offerta basata su CPA target, una strategia di offerta flessibile e automatica.

Dopo aver importato gli obiettivi intelligenti in Google Ads, devi lasciare la funzione abilitata per alcune settimane per accumulare dati sufficienti.

Limitazioni degli obiettivi intelligenti

Ma gli obiettivi intelligenti hanno anche le seguenti limitazioni e restrizioni:

  • Non possono essere configurati o personalizzati.
  • Può esserci un solo obiettivo intelligente per visualizzazione.
  • Al momento sono disponibili solo per le visualizzazioni del sito Web e non possono essere utilizzate nelle visualizzazioni dell’app per dispositivi mobile.
  • Non sono disponibili per le visualizzazioni che ricevono più di un milione di visite al giorno.
  • Le conversioni post-stampa e le conversioni cross-device da Google Ads non sono supportate.

3 passaggi per impostare gli obiettivi in ​​Google Analytics

Una volta definito quanto sopra, vedrai che impostare gli obiettivi in ​​Google Analytics è abbastanza semplice. Consiste semplicemente nei seguenti 3 passaggi:

1.- Definizione degli obiettivi

Definisci quale dei 3 tipi di obiettivi discussi in precedenza utilizzerai. A seconda di quale scegli, otterrai alcune opzioni o altre in seguito.

2.- Descrizione dell’obiettivo

Ora è il momento di nominare il tuo obiettivo e associarlo a uno dei 20 spazi consentiti da Analytics.

Inoltre, se hai scelto l’obiettivo personalizzato, dovrai scegliere quale dei 4 tipi di obiettivi vuoi configurare. Ricorda che sono destinazione, durata, pagine / schermate per sessione o evento.

3.- Informazioni oggettive

In ognuna di queste 4 tipologie di obiettivi, Google Analytics ti chiederà una serie di dati che finiranno di configurarli in modo concreto. Ad esempio, se scegli una destinazione dovrai indicare le seguenti informazioni:

  • Destinazione. Dove indichi l’URL della pagina web che desideri misurare.
  • Valore facoltativo. Ciò ti consente di assegnare un valore monetario alla conversione.
  • Imbuto di conversione. Puoi specificare il percorso che prevedi che il traffico segua fino alla destinazione. Usalo per analizzare i punti di entrata e di uscita che influenzano il bersaglio.

Come impostare l’obiettivo di un evento

Come impostare l'obiettivo di un evento

Google considera le interazioni degli utenti con diversi eventi di contenuto che possono essere misurati in modo indipendente. Alcuni eventi comuni sono download, click su collegamenti, invii di moduli e visualizzazioni di video.

Per configurare un obiettivo evento è necessario prendere in considerazione questi 4 componenti:

1.- Categoria

Una categoria è un nome scelto per raggruppare gli oggetti che vuoi analizzare. Questo è il motivo per cui è importante che tu prenda in considerazione in precedenza la struttura dei rapporti che vuoi.

Più che altro perché se intendi utilizzare lo stesso nome di categoria in più punti, dovrai fare riferimento correttamente alla categoria che desideri con il suo nome. Ad esempio, se prevedi di chiamare una categoria di video “Video” e poi te ne dimentichi e utilizzi il plurale “Videos”, finirai per avere due diverse categorie.

2.- Azione

Viene utilizzato per assegnare un nome al tipo di evento o interazione che si desidera misurare per un oggetto web specifico. Come nel caso delle categorie, il nome che indichi dipende da te. Ad esempio, con una singola categoria di “Video” puoi analizzare una serie di eventi specifici con questo parametro, come i seguenti:

  • Ora in cui termina il caricamento del video.
  • Click ricevuti sul pulsante “Riproduci”.
  • Collegamenti ricevuti nel pulsante “Stop”.
  • Click ricevuti sul pulsante “Pausa”.

3.- Tag

Utilizzando i tag sarai in grado di fornire ulteriori informazioni sugli eventi che intendi analizzare. Continuando con l’esempio del video, è possibile utilizzare i tag per identificare i titoli dei video.

In questo modo, se sul tuo sito web sono presenti 3 video, ognuno di essi utilizzerà la categoria “Video” con l’azione “Riproduci”. Ma la cosa normale è che ognuno di loro ha un’etichetta separata con il nome del video in modo che appaiano come elementi differenziati nel report.

4.- Valore

Il componente valore è un numero intero e viene utilizzato per assegnare un valore numerico a un oggetto sulla pagina. Pertanto, può essere utilizzato per indicare il tempo esatto in secondi impiegato per caricarsi.

Come puoi vedere, impostare gli obiettivi in ​​Google Analytics è abbastanza semplice se segui questi passaggi. Ma è anche vero che lo strumento fornisce molte opzioni in modo da definire l’obiettivo che sei veramente interessato a misurare.

Vuoi lavorare con un partner di marketing che comprende i tuoi obiettivi e ha le competenze e la tecnologia per permetterti di raggiungerli? In Antevenio siamo specialisti nel performance marketing e crediamo fermamente che i vostri obiettivi di business siano i nostri obiettivi. Vuoi parlarne?

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies