Notizie da Facebook: lancerà strumenti di monetizzazione per i content creators

settembre 12, 2019
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?
Notizie da Facebook: lancerà strumenti di monetizzazione per i content creators

Il fatto che ci siano notizie su Facebook non è di per sé una novità. Tutti sanno che la regina delle piattaforme di social network apporta quotidianamente migliaia di piccoli cambiamenti per adeguare il suo algoritmo. E, presumibilmente, migliorare l’esperienza dei suoi oltre 2 miliardi di utenti registrati.

Un’altra cosa è parlare di notizie su Facebook quando si tratta di content creators. Un modo per nominare gli youtuber, instagramer o streamer, a seconda della piattaforma specifica su cui sono esposti i contenuti.

Sono i nuovi influencers. Cioè, le persone che generano contenuti vari, di solito in prima persona e che sono riuscite a raggruppare una vasta comunità di utenti che li seguono. Non solo quello. Nel caso di Twitch, pagano anche il canale per continuare a trasmettere.

Il caso Ninja o l’esclusività effimera

È strano che tu non abbia sentito parlare di Ninja ultimamente. Tyler Blevin, la persona dietro il soprannome, è il principale influencer degli eSport del momento. E la settimana scorsa ha raccolto molti commenti nel settore annunciando la sua dipartita da Twitch per passare a Mixer, la piattaforma di streaming di Microsoft.

Come molti influencers degli eSport, Ninja ha iniziato a giocare professionalmente. Ha fatto parte di alcuni team professionali Halo 3 più riconosciuti come Cloud9, Renegades o Team Liquid. Nel 2011 è diventato uno streamer. Prima su Justin.tv e poi su Twitch.tv, la piattaforma di streaming di Amazon.

Questo agosto, Ninja è passato dallo streamer più seguito di Twitch alla firma di un contratto con Mixer. Per 80 milioni di euro, secondo la sua pagina di Wikipedia, lo streamer americano ha accettato di portare la sua diretta su Mixer. E lo ha fatto poco prima di iniziare le sue trasmissioni al Lollapalooza Festival, un evento mondiale.

Tuttavia, il cambiamento è stato un successo per Mixer. Ninja ha superato i 375.000 abbonati in poche ore e ha avuto un pubblico medio di oltre 75.000 utenti. Cifre molto lontane da quelle raggiunte in Twitch ma finora sono le migliori di Mixer.

Da Youtube a Twitch. E poi?

Il movimento di Ninja ha fatto revocare all’istante il privilegio di essere un partner della piattaforma. E, in questo modo, sono finiti i suoi guadagni su Twitch.

Ma questo movimento non è stato l’unico. Né sarà l’ultimo. Altri sono già passati da YouTube a Twitch, ad esempio criticando gli strumenti di monetizzazione di YouTube. In effetti, poco più di un anno fa è stata questa piattaforma video a penalizzare gli utenti di YouTube che sono passati direttamente a Twitch.

Il caso di Ninja, con i suoi 15 milioni di follower su Twitch e Mixer, evidenzia ancora una volta la potenza delle piattaforme di streaming e i loro accordi con i content creators. Oltre alla necessità di innovare. Un altro aspetto utile per comprendere le notizie su Facebook riguardo alla monetizzazione dei contenuti.

Azioni di Facebook per attirare i content creators

Sembra che il settore degli eSports continuerà a muoversi. L’emergere di nuove piattaforme e il fatto che il pubblico che è affascinato da questi media non è più nei media tradizionali porta cambiamenti.

Fino a poche settimane fa Mixer poteva essere considerata la ” sorella povera ” delle piattaforme di streaming. E ciò nonostante il fatto che dietro ci fosse un gigante come Microsoft. Sarà necessario vedere se l’arrivo di Ninja farà sì che Mixer arrivi al livello di Youtube o Twitch.

Le ultime notizie su Facebook riguardo al monetizzare i content creators indicano che la piattaforma di Zuckerberg sta cercando fondi. Quali sono queste notizie relative Facebook? Ecco le anticipazioni più importanti:

1.- Nuove funzioni in Brand Collabs Manager

Brand Collabs Manager è uno spazio in cui Facebook mette i brand in contatto con i content creators della piattaforma. Qualcosa di simile alla piattaforma di marketing di Content & Influencer a marchio Selleris ma nell’ambiente Facebook.

Questo gestore aiuta i content creators a farsi conoscere per collaborare a pagamento. In questo modo, possono sfruttare il potenziale economico del loro lavoro su Facebook connettendosi con gli inserzionisti interessati a promuovere i loro prodotti e servizi.

In questo spazio, i brand possono:

  • Scegliere un content creator con cui condividono un pubblico simile.
  • Per farlo, Facebook consente di analizzare il pubblico per vedere le diverse tipologie.
  • Inviare e-mail ai content creators e avviare conversazioni su possibili collaborazioni.

Le novità su Facebook di Brand Collabs Manager permettono ai content creators di condividere il proprio pubblico con i diversi brand. Inoltre, le modifiche in Creator Studio consentiranno ai content creators di ottenere informazioni sulla monetizzazione, conoscere il loro pubblico e persino gestire le loro pubblicazioni su Facebook, Instagram e IGTV.

2.- Modifiche durante la visualizzazione della pubblicità nei tuoi video

Altre notizie su Facebook si riferiscono ai video. In questo particolare aspetto ci sono stati due cambiamenti che incidono sulla sua monetizzazione:

  • Da un lato, i content creators possono ora limitare gli annunci inserendoli in un video, il che consentirà loro di trasmettere video senza interruzioni. Questa nuova funzione pubblicitaria ti consente di attivare formati di annunci ininterrotti, come annunci pre-roll, mid-roll o illustrati.
  • Tuttavia, la seconda delle informazioni su Facebook è l’estensione a più streamer. Pertanto, quando lo streamer sta trasmettendo, può mettere in pausa per visualizzare annunci In-Stream per un massimo di 15 secondi. Naturalmente, per accedere a questa monetizzazione il content creator deve soddisfare i seguenti requisiti:
    • Avere più di 2.000 follower.
    • Raggiungere almeno 300 spettatori simultanei in un video live.
    • Una volta che il content creator è stato attivo per almeno quattro minuti, può fare la prima pausa. Per fare più pause, è necessario attendere almeno cinque minuti tra una pausa e l’altra. Ogni pausa ha una durata massima di 20 secondi.

3.- Miglioramenti dell’abbonamento con il supporto dei fan

Gli abbonamenti consentono ai fan di Facebook di supportare i content creators sulla piattaforma tramite un canone mensile. Al momento, sono disponibili solo per un piccolo gruppo di streamer beta e in alcuni paesi.

La novità principale nel 2019 è che i gruppi in abbonamento sono abilitati. In essi, i collaboratori possono interagire con lo streamer e tra loro in gruppi di fan esclusivi.

4.- Facebook Stars per pagare i tuoi content creators preferiti

Come indicato nel blog su Facebook Gaming, “i content creators emergenti che partecipano al programma Level Up avranno anche l’opportunità di guadagnare denaro attraverso gli strumenti di monetizzazione nativi di Facebook, inclusa la funzione di contributo dei fan che abbiamo annunciato a gennaio“.

Questa notizia si riferisce alle stelle di Facebook con cui i fan possono contribuire alla crescita dei loro content creators preferiti. Per fare ciò, possono acquistare e inviare oggetti virtuali durante gli streaming.

Facebook Stars funziona come una sorta di valuta virtuale che consente ai content creators di ricevere denaro dai propri fan. Quanto costa? Secondo la piattaforma stessa, i content creators guadagneranno $ 0,01 per ogni stella inviata loro da un fan.

Facebook Gaming, la piattaforma di streaming di Facebook

Questi cambiamenti sostengono l’impegno di Facebook in relazione agli streaming. Pertanto, Facebook Gaming è una piattaforma che ha quasi gli stessi strumenti del resto dei suoi concorrenti in Occidente: Youtube, Twitch o Mixer, tra gli altri. Alcune delle sue funzioni sono:

  • Lo streaming di giochi è completamente gratuito.
  • Durante lo streaming è possibile interagire tramite una chat che si trova sul lato destro dello schermo.

Questi sviluppi in Facebook Gaming negli ultimi mesi hanno un obiettivo: fermare l’involuzione di Facebook nel suo numero di giovani utenti. Per questo, il social network cerca di trarre vantaggio dal fatto che gran parte dei suoi utenti, oltre 700 milioni, guarda video di giochi, gioca o integra gruppi relativi ai videogiochi sulla piattaforma stessa.

Un buon inizio per provare a far parte dell’elenco dei concorrenti che combatteranno nel settore degli eSports: Youtube Gaming, Twitch, Mixer e Facebook Gaming. E queste sono piattaforme di streaming che operano in Occidente quando le principali piattaforme asiatiche, il luogo in cui più utenti giocano ai videogiochi, sono cinesi.

Non sai come sfruttare le opportunità offerte da queste piattaforme? In Antevenio abbiamo un team di esperti in branded content che aggiunge valore in tutte le fasi dei progetti che sviluppiamo. Possiamo aiutarti a sviluppare la tua strategia di Content Marketing e Branded Content?

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies