Il toolkit del Community Manager che non dovresti mai dimenticare

novembre 27, 2019
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Esistono centinaia di strumenti per i community manager che vengono utilizzati quotidianamente dai professionisti. Il problema è decidere quali ti interessano nei vari momenti. Perché la professione e gli strumenti per i community manager sono stati creatidieci anni fa con l’avvento del Web 2.0.

Da allora, si tratta di una delle figure più richieste sul mercato per quanto riguarda le nuove professioni digitali. La sua importanza, infatti, è vitale. Grazie agli strumenti per i community manager, è possibile controllare il brand per il quale vengono create le strategie di acquisizione e fidelizzazione dei clienti.

In effetti, l’importanza del compito del community manager si basa sul fatto che è responsabile delle attività social, un lavoro creato dalla necessità delle aziende di lavorare la propria immagine online.

Qualcosa di essenziale in questo secolo dal momento che i social media sono il luogo di incontro dei mercati con i loro clienti attraverso l’informazione. Pertanto, gli strumenti per i community manager sono essenziali per sviluppare il loro lavoro.

Origini dell’attività del community manager

Le prime attività digitali riguardano l’inizio del millennio. Poi sono nate le liste di distribuzione e le cosiddette comunità virtuali.

La figura del community manager risale a questo momento, anche se gli strumenti per i community manager erano quasi inesistenti al momento. Ma è interessante vedere cosa è successo per poter capire lo sviluppo successivo. Questi sono tre esempi da cui imparare:

1.- Il collegamento Whole Earth

Normalmente abbreviato in The WELL, è una delle più antiche comunità virtuali che continua a funzionare. È noto per i suoi forum su Internet, dove ci sono tutti i tipi di forum di discussione con i suoi moderatori. Inizialmente gestivano a mano i commenti che non erano conformi alle regole. Qualcosa di completamente impossibile con l’attuale vortice di contenuti.

2.- Barrapunto

Era un sito di notizie relativo a software free, tecnologia e diritti digitali. Inoltre, è uno spin off di Slashdot ma in spagnolo. È simile a un blog con i suoi commenti presentati sotto forma di thread. Gli utenti sono identificati e ogni thread aveva un moderatore. Nell’agosto 2019 il sito web ha smesso di funzionare.

3.- Meneame

È una versione migliorata di Digg. Quest’anno hanno annunciato diversi cambiamenti nelle regole di utilizzo della piattaforma e della sua struttura, per rispondere alle numerose richieste che ricevono.

Menéame è un aggregatore sociale, ciò significa che, da un lato, è uno strumento per la scoperta di contenuti e, dall’altro, una comunità“. All’inizio, la comunità si autoregolava. Cioè, era una specie di protocommunity.

10 obiettivi essenziali per ogni community manager

Nel tempo, gli obiettivi del community manager sono stati gradualmente stabiliti. E con loro lo sviluppo di strumenti per i community manager che soddisfano le necessità. Questi sono gli obiettivi principali di questa funzione:

  1. Un community manager (CM) deve conoscere il suo pubblico target in tutti i social media.
  2. Il CM deve tenere presente le azioni dei concorrenti.
  3. È responsabile della generazione dei contenuti per il blog.
  4. La creazione di una strategia di comunicazione appropriata è una delle sue attività di base.
  5. È chi comunica e diffonde i contenuti in tutti i social network.
  6. Deve creare e gestire la community attorno ai propri prodotti o servizi.
  7. È responsabile di sapere cosa si dice del brand. Pertanto, di solito è un esperto nel monitoraggio.
  8. Analizza i risultati per prendere decisioni.
  9. È responsabile dell’incorporazione dell’esperienza nelle nuove strategie
  10. È uno dei pilastri dell’innovazione. Ed è aggiornato su tutte le notizie che arrivano sul mercato.

5 tipi di strumenti per i community manager

Gli strumenti di un community manager, oggi, tendono direttamente all’infinito. Ecco perché è necessario stabilire un kit essenziale da non dimenticare.

Tutti questi strumenti per i community manager formano un insieme potente che può soddisfare gli obiettivi principali.

Questi sono dieci strumenti di base raggruppati attorno a cinque caratteristiche delle funzioni di ogni community manager. Sono i seguenti:

A.- Strumenti per community manager per la gestione dei social media

1.- Hootsuite

HootSuite è una piattaforma web e mobile per la gestione delle reti social. È stato creato nel 2008. HootSuite ti consente di lavorare con Facebook, Twitter, LinkedIn, Google, Instagram o YouTube. I suoi vantaggi sono:

  • La gestione collaborativa.
  • Visualizzazione tramite schede e colonne.
  • L’uso di report avanzati con l’integrazione di Google Analytics e Facebook Insights.

2.- TweetDeck

Era uno degli strumenti pionieristici. Si concentra su Twitter e consente la gestione di più account. Inoltre, consente di pubblicare e pianificare tweet e creare colonne per notifiche e messaggi diretti.

B.- Strumenti per generare e diffondere contenuti

3.- Sistrix

Progettato per aiutarti nella tua strategia SEO. Puoi analizzare le parole chiave in base alle quali posizionare la concorrenza e attaccarla. Inoltre, tra le altre cose, puoi monitorare la concorrenza per decidere se scommettere su un determinato contenuto.

4.- BloggsterApp

Questo strumento ti consente di automatizzare la pubblicazione di contenuti dal blog su Twitter, Facebook o LinkedIn. Il vantaggio di questo strumento è che automatizza questo processo, il che significa che lo strumento stesso è responsabile nel prendere gli articoli del blog e pubblicarli sui diversi social media.

C.- Strumenti per i community manager in WordPress

5.- Thrive Leads

Serve per ottenere contatti di qualità quando lavori sui social media. La funzione principale di questo plugin per wordpress è di ottenere utenti attraverso la progettazione di banner o pop-up configurabili al 100%. Ti aiuteranno a catturare e reindirizzare l’attenzione dei tuoi utenti dove sei più interessato.

D.- Strumenti per i community manager che sfruttano la posta elettronica

6.- MDirector

È una piattaforma che ha optato direttamente per l’automazione delle campagne e-mail. Cosa che ti consente di gestire correttamente il database e ti offre un potente strumento di email marketing per creare campagne e analizzare i dati delle tue azioni.

E.- Strumenti che ti consentono di analizzare i risultati del tuo lavoro

7.- Google Analytics

Questo è lo strumento del motore di ricerca universale, che ha praticamente standardizzato le ricerche sul web.

È un fantastico strumento SEO ed è anche gratuito, uno degli strumenti più popolari per i community manager quando si tratta di analizzare un sito Web.

Consiste in un pannello web complesso con centinaia di opzioni attraverso diverse schede che viene utilizzato per conoscere aspetti come:

  • Traffico Web di una pagina.
  • Dati sul volume di utenti che si spostano in tempo reale.
  • L’origine delle visite.

Google Analytics è quindi utile per conoscere a fondo lo stato di una pagina Web in termini di visite e traffico degli utenti. Con le metriche che offre sarai in grado di conoscere il numero di visite, la loro durata, le pagine che sono state visitate, da dove provengono i collegamenti da cui sono ottenute le visite o le sezioni che hanno il maggior flusso di utenti.

Inoltre, Analytics decodifica le parole chiave con cui gli utenti accedono al tuo sito web. E anche i tipi di dispositivi con cui lo fanno, il che è molto utile per migliorare l’esperienza dell’utente ed essenziale per migliorare la SEO di una pagina web.

8.- Twitter Analytics

Twitter ha seguito l’esempio di Google e mette a tua disposizione Twitter Analytics. Questo è un altro strumento con cui puoi misurare tutto quello che vuoi che influenza i movimenti dei tuoi utenti su Twitter. Alcune delle azioni che è possibile monitorare sono:

  • Controllare quanti utenti hanno visto i tuoi tweet.
  • Quanti di loro hanno fatto clic sul collegamento o sull’immagine che hai pubblicato.
  • Quanti hanno interagito facendo un retweet, una menzione o un markup preferito.
  • Scoprire quali pubblicazioni ti piacciono di più.
  • Conosci il tuo pubblico: gusti, genere, caratteristiche o demografia.
  • Tieni traccia dei follower che guadagni o perdi.

9.- Facebook Insights

Più o meno la stessa cosa, ma questa volta riguarda Facebook. Audience Insights, come spiega lo stesso social network, ti fornisce informazioni globali su due gruppi di persone:

  • Persone collegate alla tua pagina.
  • Gruppi similari composti da persone su Facebook.

In questo modo puoi creare contenuti che catturino l’attenzione e cercare facilmente persone simili a quelle del tuo pubblico attuale.

10.- I dati su Instagram

Funziona se si dispone di un account aziendale su Instagram. Ppuoi inserire automaticamente lo strumento di analisi. Per ora è anche gratis

Lo strumento Instagram Insights mostra come il tuo pubblico utilizza Instagram. Ti dice quali pubblicazioni del tuo account hanno avuto più successo e le misura.

Questi 10 strumenti per il community manager sono solo un piccolo esempio delle applicazioni che puoi utilizzare per migliorare le tue strategie digitali. Tuttavia, se ancora non sai come usarli per acquisire contatti, in Antevenio abbiamo più di 25 anni di esperienza nella creazione di strategie di marketing digitale vincenti. Anticipiamo le tendenze dominanti. Hai bisogno del nostro aiuto?

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies