Il caso Ninja: è redditizio pagare 8 milioni per uno streamer?

ottobre 01, 2019
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?
Il caso Ninja: è redditizio pagare 8 milioni per uno streamer?

Tyler Blevins, “il Ninja”, è al centro dell’opinione pubblica. È diventato famoso per aver giocato a Fornite, sulla piattaforma di streaming chiamata Twitch, che appartiene ad Amazon. Il caso Ninja è alla portata di tutti, dal momento che il giocatore professionista ha firmato un contratto multimilionario con la piattaforma di streaming di Microsoft, Mixer. Ha generato una grande controversia in quanto si tratta della concorrenza diretta da Amazon, leader nel settore.

I social network non si fermano a speculare sull’importo del contratto. Le scommesse riguardano numeri da capogiro per qualsiasi giocatore di videogiochi. Sebbene non abbia confermato alcun importo, gli esperti del settore sostengono che sarà di circa 8 milioni di dollari all’anno. Un importo che chiarisce il motivo della decisione del Ninja.

Chi è il famoso Ninja?

Il pubblico non smette di parlare di quanto sia incredibile ciò che sta accadendo nel caso Ninja. Anche così, ciò che molte persone non sanno, è chi sia veramente la persona dietro lo pseudonimo di “Ninja”. Richard Tyler Blevins, è un giocatore americano di videogiochi in streaming. Ha iniziato le sue avventure come “Ninja” nel 2009. Ma è dal 2011 che ha cominciato a forgiare una carriera come streamer su Twitch.

Oggi è uno dei principali riferimenti nel settore dei videogiochi. In particolare, la community dei suoi fan è cresciuta rapidamente con la ritrasmissione di Fortnite Battle Royale.

Nel luglio 2019, aveva oltre 14 milioni di follower su Twitch. È la persona con il maggior numero di fan dell’intera piattaforma Amazon nella storia. Questa celebrità informatica sta accumulando migliaia di follower col passare delle ore. Inoltre, ha un canale YouTube con circa 23 milioni di abbonati fedeli.

La popolarità che ha acquisito riguarda l’aver investito ore in Fortnite, e ora anche brand sportivi come Adidas gli hanno chiesto di far parte della loro immagine questa estate. Mixer, la sua nuova piattaforma, ha sfruttato questa nuova opportunità.

Con questo accordo, Tyler Blevins diventa il primo streamer a collaborare con un marchio internazionale di sport. Sembra che il presunto investimento economico di Microsoft finirà per portare i suoi frutti. Il caso Ninja aprirà dibattiti che il pubblico non ha ancora previsto.

Da dove viene la febbre Fornite?

Epic Games e People Can Fly sono responsabili delle grandi aziende che cercano di catturare specialisti Fornite. Hanno rilasciato questo gioco multipiattaforma nell’estate del 2017. Da allora, i fan di questo videogioco non smettono di crescere.

Ad oggi, sono state registrati fino a 3,5 milioni di giocatori. Una rivoluzione nel settore dei videogiochi.

Un’apocalisse di zombie sta flagellando la terra, la missione del giocatore sarà quella di proteggere le sue cose. Questa trama nello stile di Resident Evil, ha generato rabbia tra gli amanti dei videogiochi.

Un’altra variante del gioco è la Fornite Battle Royale. La stessa realtà di zombie, ma con un limite di 100 partecipanti per partita. L’obiettivo è avere un solo sopravvissuto.

Fortnite ha segnato una pietra miliare nella storia dei videogiochi. I suoi utenti possono accedervi da qualsiasi dispositivo tecnologico. Inoltre, due persone che si trovano nello stesso gioco possono essere collegate da diversi tipi di supporto. Cioè, un utente che sta giocando dal proprio computer potrebbe essere in relazione simultanea con un altro utente che ha effettuato l’accesso dal proprio cellulare.

Fortnite, una strategia di marketing impeccabile

È redditizio pagare 8 milioni per uno streamer?

Fornite sa molto bene come mantenere i suoi seguaci. Ogni strategia di marketing cerca di catturare l’attenzione del pubblico. Una volta ottenuto ciò, il resto è molto più semplice.

Il caso Ninja mostra l’importanza che i brand danno alla visibilità. I Mondiali di Fornite si svolgono ogni anno, un evento che attira una grande massa di spettatori. Quest’anno, Twitch ha superato il milione di utenti connessi. Una cifra che ogni piattaforma di streaming vorrebbe avere. Molti brand investono in questi appuntamenti, vista la portata di un pubblico così vasto.

Un’altra delle ultime strategie che ha deliziato molti fedeli del brand è stata la collaborazione congiunta con Stranger Things. Unendo le due narrazioni, Fortnite ha promosso la notizia attraverso le reti.

Per un certo periodo, i giocatori possono godere dei contenuti della serie mentre giocano. Non è la prima volta che il gioco funziona con altri brand. Alcuni mesi fa hanno organizzato un concerto virtuale con il famoso Dj Marshmello. Un evento che ha superato i 10 milioni di utenti.

Mixer (Microsoft) Vs Twitch (Amazon)

Twitch si è affermata come la piattaforma di streaming star del momento. Ha utenti fedeli provenienti da tutte le parti del pianeta. La chiave del suo successo è stata la possibilità di interagire con il pubblico.

I fan possono vedere il loro streamer preferito durante la visualizzazione del gioco a cui stanno giocando. Genera nello spettatore la sensazione di vivere il gioco con il giocatore. In questo modo, sono riusciti a coinvolgere alcuni utenti con i brand.

La piattaforma di streaming che fino ad ora era nel settore, ha subito una forte flessione dopo che una delle sue star ha scelto Mixer. Il caso Ninja ha generato una nuova battaglia per vedere chi sarà il numero uno. È un settore che muove molti utenti, quindi la rivalità tra i brand è molto ampia.

Mixer, il nuovo streaming Titan?

Microsoft, una delle società di vendita di tecnologia hardware più note al mondo, vuole innovare il proprio brand. Pertanto, non sorprende che abbia fatto a Ninja una proposta che non poteva rifiutare.

Questo movimento ha aiutato Mixer a generare traffico diretto dai follower di Tyler Blevins sulla sua piattaforma. Nel primo live che ha fatto accumulare non meno di 80.000 utenti connessi al giocatore nel suo nuovo account Mixer.

Forse, parte di questo successo, è stato generato perché Microsoft ha già visto che molti fan della stella Fornite non lo abbandonerebbero in nessun caso. Hanno approfittato del festival musicale Loolapalooza e il primo giorno c’erano già circa 375.000 abbonati.

Durante il gioco, sono state registrate fino a 80.000 visualizzazioni live. Sebbene non siano all’altezza delle cifre a cui Ninja era abituato su Twitch, sono numeri molto competitivi per Mixer. In questo modo, la società Microsoft inizia gradualmente a far emergere i suoi concorrenti.

Finora Amazon non aveva mai avuto competitors. Gli altri servizi di streaming di grandi aziende come Google o Facebook non avevano mai raggiunto i successi di Twitch. Ma ora, con l’abbandono di una delle star del momento, sono sul filo del rasoio. Dovremo vedere come si è evoluta la questione nei prossimi mesi. Il caso Ninja farà parlare.

Scandalo nel caso Ninja

Il caso Ninja sta suscitando scalpore nel settore dello streaming. Oltre all’aspetto aziendale, è stato scoperto un problema che potrebbe generare gravi problemi per la piattaforma Amazon. Twitch ha continuato a pubblicare e promuovere contenuti sull’account ufficiale di Tyler Blevins dopo che ha lasciato il canale.

Una situazione grave in cui lo streamer stesso ha reso pubblica la sua delusione. Il Ninja ha dichiarato di essere stato deluso nel vedere che la piattaforma ha approfittato della sua assenza per promuovere la sua persona con altri utenti.

Altri aspetti che hanno colpito il pubblico che consuma regolarmente il servizio di streaming di Amazon, riguardano la pubblicità sulla pornografia che potrebbe essere visualizzata sull’account Blevins. Il CEO di Amazon si è scusato per tutto ciò che stava accadendo.

Twitch, la piattaforma più danneggiata

Con il passaggio della stella alla concorrenza, Twitch non è stato solo danneggiato nella riduzione delle visualizzazioni, ma anche nell’immagine del suo brand. La cattiva gestione da parte del consiglio di amministrazione dell’azienda ha causato un deterioramento della percezione del pubblico nei loro confronti.

Sul lato opposto la controversia sta contribuendo a rafforzare il marchio Mixer. Tieni presente che i destinatari a cui è rivolto questo settore sono millennial e centennial.

Di solito, sono persone molto coinvolte nelle situazioni che si verificano su Internet. Il nome dell’azienda Microsoft è sulla bocca di tutti. Il caso Ninja passerà alla storia come una svolta.

Vuoi distinguerti in questo settore? Scopri con Antevenio come offrire esperienze uniche e arricchire le tue strategie di marketing digitale con gli eSports.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies