Consigli per creare templates che convertano nell’email marketing

novembre 26, 2018
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Utilizzare template che convertano nell’email marketing non solo migliora il database ma favorisce le vendite. Ci sono diversi fattori che fanno sì che un determinato template sia più efficace di un altro. Molti elementi, dalla grafica agli aspetti interattivi o esterni, hanno a che fare con le conversioni.

Ma usare templates che convertano nell’email marketing è un primo passo per introdurre le strategie di email marketing.

Perché usare templates che convertano nell’email marketing

Gli utenti ricevono decine di mail al giorno. Dalle offerte alle comunicazioni. Ciò suppone un problema per i brand dato che devono competere continuamente. Allo stesso tempo si tratta di una grande opportunità per attivare le strategie più creative e creare i templates che convertono meglio nell’email marketing.

In questo modo i grafici e inserzionisti hanno l’opportunità di emergere tra la concorrenza e creare grafiche e strategie uniche e più vicine agli utenti. Inoltre non bisogna dimenticare il contenuto del template. In fin dei conti l’insieme attira l’audience ma il contenuto fa sì che l’utente sia interessato. Per questo sarebbe un grande errore non curare il contenuto a favore della forma.

Elementi dei templates che convertono meglio nell’email marketing

1 – Generazionale

I migliori templates che convertono nell’email marketing tengono conto del proprio pubblico. Non si tratta solo di stabilire qual è la buyer persona o il lead che vuoi raggiungere. Anche i dati demografici sono rilevanti quando si crea un template che converta nell’email marketing. Un altro dato rilevante è capire a quale generazione appartengono gli utenti.

Attualmente esiste una distanza rilevante tra i millennials e i centennials. Si tratta di due fasce d’età, molto vicine che ovviamente reagiscono diversamente all’invio delle mail. I centennials usano tutte le risorse e le tecnologie più aggiornate. Ossia per esempio non usano più gli SMS. Quindi fare una campagna di SMS marketing dedicata a loro sarebbe un errore.

Per questo le strategie digitali che provengono dalle tendenze analogiche non hanno senso per questo tipo di pubblico. L’email marketing per centennials deve essere personale e diretto. Per cominciare questi nuovi utenti si sono spostati sulle piattaforme digitali. Sono più presenti che mail sui social e sul mobile. Quindi gli inserzionisti devono creare campagne specifiche per queste piattaforme.

Brevità

I tempantes che più convertono nell’email marketing devono trasmettere il messaggio in forma chiara e rapida. Le nuove generazioni sono guidate dalle emozioni e sono abituate a prendere decisioni rapidamente. Per questo i templates che convertono nell’email marketing devono comunicare come lo fanno gli utenti target. In forma rapida e visuale. Queste generazioni sono più ricettive ai messaggi corti e frequenti, usando un linguaggio visuale e intuitivo.

2.- Tendenze

I templates che più convertono per l’email marketing sono quelli che si adattano alle nuove tendenze. Le riflettono i gusti degli utenti. Ossia, ciò che si aspettano di ricevere perché lo amano e lo consumano. Indovinare la grafica del template significa prendere in considerazione i gusti e le tendenze attuali degli utenti.

Attualmente gli inserzionisti devono adattarsi alle nuove tecnologie e incorporare contenuti sempre più interattivi nelle loro mail. Il video e le immagini sono scommesse sicure nell’email marketing. Ma si può andare oltre e inserire, per esempio, immagini in movimento o GIF.

Mr. Wonderful è uno dei brand che ha saputo adattare il suo messaggio al suo stile personale ma anche alle nuove tendenze. Con il linguaggio giovanile, con scherzi trending topic ma anche con aggiornamenti e innovazioni.

3.- Nuovo linguaggio visuale

Un subject con emojis può far ridere gli utenti. Ossia, i brand possono lasciare un ricordo positivo nell’immaginario degli utenti presentando un linguaggio proprio agli utenti.

In questo modo i brand si adattano a una tendenza sempre più in auge tra gli utenti e hanno l’opportunità di essere più vicini. L’uso delle emojis sia nel subject sia nel testo ha dimostrato di avere aspetti positivi per le aziende. Gli emojis nelle mail permettono di esprimere il contenuto del subject in forma rapida, immediata e con un’espressione adeguata. Oltre a essere una risorsa aggiuntiva per migliorare il legame con i destinatari.

Dall’altro lato, il 56% dei brand ha visto incrementare i tassi di apertura delle proprie campagne di email dopo l’inserimento delle emojis. Ossia, le emojis non solo si adattano alle nuove tendenze e al linguaggio ma favoriscono il tasso di apertura.

Inoltre, i templates che convertono meglio per l’email marketing inglobano emojis perché aiutano a semplificare il subject. A seconda della piattaforma è possibile inserire tra i 30 e 40 caratteri. Le emojis giocano un ruolo fondamentale. Ogni simbolo può esprimere un oggetto o azione ed essere compreso quasi in maniera universale. Risparmiando così un po’ di spazio per ciò che bisogna scrivere.

4.- Per ambito

I templates che convertono meglio nell’email marketing sono quelli che si adattano agli ambiti del brand. Ossia se l’inserzionista lavora per un’azienda specifica di motori, deve inserire elementi del proprio ambito. In questo modo si raggiunge meglio l’utente. In questo senso è più semplice attirare lettori e convertirli.

Inoltre è dimostrato che utilizzare influencers come testimonial o elemento aggiuntivo dei templates che convertono meglio nell’email marketing funziona. Ma se gli elementi rappresentativi del mercato sono altri, sono loro a doverli introdurre.

Tornando alle moto, è preferibile scommettere su grandi immagini o video. Si tratta di uno dei modi migliori per generare visite sul web soprattutto presentando un prodotto. Inoltre i video favoriscono l’engagement, un altro fattore da considerare dato che genera conversioni e favorisce la relazione tra inserzionisti e utenti.

5.- Interattività

I templates che convertono meglio nell’email marketing devono essere originali e pratici. Proprio per questo devono essere responsive e adattarsi alle necessità di formato di qualsiasi utente. In altra maniera non si convertiranno i leads e non si attireranno le buyer personas.

Un’indagine di Limus segnala che più del 27% dei responsabili marketing pensa che le mail interattive hanno un grande impatto. Inoltre segnala che gli utenti amano interagire con contenuti differenti. Tra gli altri immagini, pulsanti, questionari, motori di ricerca tra gli altri.

I templates che convertono per email marketing sono quelli che includono elementi con cui l’utente può interagire. Per esempio nel caso che si tratti di un ecommerce che vende prodotti, si può aggiungere l’opzione di acquisto diretto. In questo modo gli utenti hanno l’opportunità di acquistare ciò che vedono. Si risponde in maniera immediata alle necessità e impulsi degli utenti.

Inoltre capendo che il processo è semplice e non richiede sforzi, l’utente sarà fidelizzato. In questo senso gli utenti apprezzano particolarmente la possibilità di disiscriversi in qualsiasi momento. I templates che convertono devono incorporare questa funzione nel footer.

6.- Novità e sconti

Le novità e gli sconti o le offerte sono i contenuti più consumati dagli utenti. È probabile che se un utente è arrivato casualmente al tuo sito o ha ricevuto una pubblicità sui social relativa alle tue promozioni, si iscriva alla newsletter per saperne di più.

Le offerte e gli sconti sono due degli argomenti principali per attirare clienti ma anche per trattenerli. Sono un modo eccellente per premiare ogni tanto gli utenti. Sono anche elementi che aiutano a convertire utenti. Per questo devono essere inseriti nei templates che convertono meglio nell’email marketing.

Creare templates che convertono per l’email marketing

Per avere successo nelle strategie di marketing digitale è importante verificare la grafica delle proprie campagne. Ma esistono anche altri fattori determinanti da considerare.
Le campagne di email marketing rispondono a molte necessità degli inserzionisti e utenti, per questo sono sempre attive. Creare una buona campagna di email marketing non è complicato se si applicano le conoscenze e gli strumenti necessari.

In questo senso se hai bisogno di un fornitore di servizi di email marketing, in Antevenio possiamo aiutarti.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies