Analizziamo il nuovo algoritmo di ricerca di Google

giugno 26, 2019
Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Sai che c’è un nuovo algoritmo di ricerca di Google sul mercato? Si, l’algoritmo di ricerca di Google cambia costantemente. Dall’anno 2000 ci sono stati centinaia di aggiornamenti piccoli e grandi che riguardano il contenuto delle pagine, movimentando i risultati (SERP). Per gli specialisti in marketing ciò significa che un nuovo alogitmo è sempre all’orizzonte.

Google propone miglioramenti ogni giorno. I risultati di ricerca sono anche diversi in tutto il mondo e si generano in diverse lingue. Quindi adattarsi è una necessità vitale di Google, non è una conseguenza.

Questi frequenti cambiamenti nell’algoritmo generano molte speculazioni. Soprattutto riguardo a come le aziende cambiano la loro strategia SEO per mantenersi nelle prime posizioni.

Ovviamente ciò che è successo negli ultimi mesi è stato cruciale. E gli aggiornamenti quotidiani normali non sono comparabili al nuovo algoritmo di ricerca di Google.

Cos’è un aggiornamento di algoritmo?

Gli algoritmi di Google sono un sistema complesso che si utilizza per recuperare dati dal suo indice di ricerca e offrire all’istante i migliori risultati possibili.

Il motore di ricerca utilizza una combinazione di algoritmi e diversi segnali di classificazione per indicare le pagine web classificate per rilevanza nelle SERPs.

All’inizio Google aggiornava raramente i suoi algoritmi. Ora effettua migliaia di modifiche all’anno.

La maggior parte degli aggiornamenti sono così lievi che passano inosservati. Ovviamente a volte il motore implementa importanti aggiornamenti algoritmici che colpiscono significativamente le SERP. Come nel caso di questo nuovo algoritmo di ricerca di Google.

Il nuovo algoritmo di ricerca di Google e i suoi nomi

L’ultimo cambiamento dell’algoritmo significativo è stato effettuato il 12 marzo. Gli esperti SEO lo hanno chiamato Google Florida Update 2. Il primo aggiornamento con questo nome è stato effettuato all’inizio del XXI secolo ed è stato chiamato così perché il cambiamento di algoritmo ha coinciso con la conferenza Pubcon Florida SEO.

I rumori riguardo a questo aggiornamento sono coincisi con la conferenza Pubcon Florida 2019. Quindi Brett Tabke, fondatore di Pubcon e WEbmasterWorld, ha deciso che questo aggiornamento si sarebbe chiamato Google Florida Update 2.

Ovviamente Google ha deciso di chiarire che il “nome per l’aggiornamento è Aggiormaento Core Marzo 2019”. Per questo se fai una ricerca riguardo al nuovo algoritmo di Google comparirà sempre con questi due nomi.

Questo aggiornamento è importante?

Ogni anno, Google cambia il suo algoritmo di ricerca almeno 500 o 600 volte. Anche se la maggior parte dei cambiamenti sono minori, Google solitamente effettua aggiornamenti importanti. È il caso di Google Panda e Google Penguin che hanno avuto effetto sui risultati di ricerca in maniera significativa.

Gli specialisti di marketing devono essere aggiornati riguardo alle date di questi aggiornamenti Google. Ciò li può aiutare a spiegare i cambiamenti nelle classificazioni e il traffico del sito organico. Quindi si migliorerà l’ottimizzazione del motore di ricerca.

In passato, quando si produceva un grande aggiornamento di Google generalmente significava incorporare un cambiamento profondo nella classificazione dei siti. L’aggiornamento dell’anno scorso ha incluso ciò che Google ha chiamato Neural Matching.

Google scommette su un aggiornamento centrale ampio

Un aggiornamento centrale ampio significa che Google non punta su nulla in particolare.

Alcuni nel settore SEO pensano che Google punti su settori specifici. Ma John Mueller di Google ha negato sistematicamente che gli aggiornamenti di nucleo ampio si basassero su nicchie specifiche.

Gli aggiornamenti generali ampi non si dirigono a siti, nicchie o qualità. Ed è per questo che il gigante di internet ha detto che negli aggiornamenti generali come quello di marzo 2019 non c’è nulla da sistemare.

Nonostante ciò, nel video precedente vedrai come John Mueller spiega che a volte un cambio di algoritmo deve essere comunque adattato. Mentre in altri casi accade il contrario e bisogna limitarsi.

Il miglior focus per capire un aggiornamento centrale ampio è lasciare da parte le idee e i preconcetti riguardo alle nicchie e focalizzarsi sulla rilevanza.

Consigli per non perdere posizioni su Google

È possibile che Google dica che questo aggiornamento non porti modifiche tanto come si dice. Ovviamente dopo questo nuovo rilascio si è notata una perdita di traffico e posizioni.

Allo stesso modo il 2 Aprile Google ha pubblicato un report su come viene trattato lo spam nelle ricerche. “Link fraudolenti: ci basiamo sui link autorizzati e rilevanti come segnale importante di posizionamento nella ricerca, combattendo attivamente i links fraudolenti.”

Può essere un segnale. Nella maggior parte dei casi le strategie SEO che un sito ha usato per classificare una SERP possono essere controproducenti. In altri casi Google trova un sito migliore che offre contenuto di qualità superiore come rimpiazzo.

Ma si basa forse anche sui link fraudolenti di cui parla o su altri 200 fattori. In ogni caso ciò che sta sperimentando può essere implementato in una strategia SEO ben studiata.

1 – Focalizzati sui dispositivi mobile

Free picture (Mobile phone in hands) from https://torange.biz/hands-phone-mobile-49487

Con il 60% delle ricerche effettuate da dispositivi mobile, la compatibilità mobile è sempre più importante. Il gigante delle ricerche ha già diviso il suo indice di ricerca in due:

  • Per mobile
  • Per pc desktop

Ovviamente ha già annunciato che i dispositivi mobile avranno la priorità. “I nostri algoritmi useranno eventualmente la versione mobile del contenuto di un sito per classificare le pagine di questo sito, capire i dati strutturati e mostrare frammenti di queste pagine nei risultati”.

Il momento è arrivato. Quest’anno Google combinerà i due indici di ricerca in uno e darà la priorità al mobile. Consideralo per il nuovo algoritmo di ricerca di Google.

2 – Più focus sui frammenti emergenti

I frammenti compaiono sui risultati regolari nelle SERP (riferiti come posizione #0). Quindi se puoi classificarli, possono fornire un grande impulso al tuo tasso di clicks e al traffico del sito. I frammenti prendono molte forme, dalle liste alle date di eventi e quadri di risposta.

Google continuerà a espandere i frammenti quest’anno. Darà più importanza ai dati strutturati. I dati strutturati sono una linea di codice che può inserire l’HTML del tuo sito. Così genererà il frammento. Sono anche noti come risultati di ricerca arricchiti.

3 – Ricerca vocale

La ricerca vocale è stato uno dei maggiori aggiornamenti grazie agli assistenti di AI come Cortana, Alexa e Google Assistant. Negli ultimi 10 anni le ricerche vocali su Google sono cresciute del 3,500% e il 40% degli adulti ora usa la ricerca vocale una volta al giorno.

Come possiamo aspettarci, questa tendenza continuerà, migliorando l’ottimizzazione mobile. Ma la ricerca vocale ha anche il potenziale di cambiare la struttura dei termini di ricerca.

Possiamo prevedere che le frasi di ricerca più ‘naturali’ arriveranno attraverso la ricerca vocale perché le persone tendono a fare domande più formali.

Vale la pena di segnalare che la ricerca vocale funzionerà con i contenuti arricchiti. E migliorerà man mano che la AI e Google Assistant leggeranno i frammenti come risposta ai termini di ricerca.

4 – Menzioni senza link

Nel 2017 l’analista di tendenze di Google Webmaster Gari Illyes ha suggerito che Google ora può associare menzioni senza un link fisico. Queste ‘menzioni senza link’ (ossia, recensioni positive, testimonianze e altre menzioni non legate all’azienda) avranno un ruolo importante nella SEO.

5 – La sicurezza al centro

Google ha ammesso da tempo che preferisce i siti HTTPS in termini di sicurezza quindi li classifica meglio. Nel suo recente foglio di stile ha rivelato che quest’anno comincerà a castigare gli editori che non inseriscono un SSL al sito.

6 – Contenuto duplicato

Google calcola il punteggio di un sito web mediante l’analisi delle pubblicazioni e pagine singole. Se stai duplicando contenuto di altri siti, probabilmente puoi essere penalizzato. Google può identificare questo contenuto facilmente.

7 – Personal branding

Google considera i seguenti dettagli del tuo sito:

  • Pagina ‘chi siamo
  • Recensioni positive dei clienti
  • Informazioni di contatto
  • La possibilità di assistere un cliente

Il tutto aumenta la notorietà del tuo sito per Google. Quindi non dimenticare di gestire questi aspetti al meglio.

8 – Backlinks di qualità

Il nuovo algoritmo di ricerca di Google preferisce la qualità rispetto alla quantità. I modelli di qualità nella ricerca di Google suggeriscono che i siti web con links di alta qualità abbiano un punteggio migliore.

Ora sei pronto per affrontare il nuovo algoritmo di ricerca di Google. Sai gestire la SEO in maniera da focalizzare i tuoi sforzi al meglio nelle campagne di marketing, come sul contenuto interessante.

Per questo puoi realizzare una strategia di contenuti per migliorare la tua SEO off-page che ti permetterà di ottenere traffico e posizionarti ai primi posti sui motori. In Antevenio possiamo aiutarti. Ti forniremo un inventario di qualità con un contenuto rilevante.

Vuoi che ti aiutiamo a vendere di più attraverso il digital marketing?

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Per saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito clicca qui ACEPTAR
Aviso de cookies